Giovanna Casotto, l’erotismo a fumetti è donna

Fino al 14 settembre, Wow Spazio Fumetto a Milano (Viale Campania 12) ospita “Il punto C. Giovanna Casotto e i suoi amici”. Una personale che propone non solo tavole originali di pin-up super sexy, ma anche materiale documentario, riviste specializzate, foto d’archivio, libri, oggettistica varia e molto altro ancora. Gli Anni ’50 sono al centro dell’immaginario dell’artista insieme alle icone che influenzano ancora i look delle donne di tutte le età. Qualche nome? Audrey Hepburn, Lauren Bacall e Bettie Page. L’esposizione prosegue, poi, dalla fine di settembre a Lecce e a Parma. Affascinata dall’immaginario dei mitici anni Cinquanta, la Casotto ha dedicato molti lavori alle donne di quel periodo, dalla mitica pin-up Bettie Page alle dive del cinema hollywoodiano, come Lauren Bacall e Audrey Hepburn. Grazie al suo segno, questi volti del passato rivivono con straordinaria ricchezza di dettagli, esaltando il glamour e la sensualità di queste dive. Tra le produzioni più originali di Giovanna Casotto spicca la creazione del personaggio La Cocca, originalissimo esempio di “corto circuito” tra realtà e fumetto. La Cocca è una donna reale, fotografata dall’artista prima di essere trasformata in disegno. Come dice lei stessa: “Io sono il contrario di Jessica Rabbit. Sono la donna che si fa fumetto, anziché l’eroina dei fumetti che vuole diventare umana”.