Flavio Insinna il pranzo è servito non ti permettere

“Non ti permettere mai più!”. Il pranzo è servito: la dura reazione di Flavio Insinna

Continua con grande seguito su Rai1, il remake dello storico programma condotto allora da Corrado e oggi da Flavio Insinna, Il pranzo è servito. Oramai siamo alla terza puntata e per la seconda puntata consecutiva, il campione in carica è Franco. Ma nel corso della manche dedicata al personaggio misterioso accade l’incredibile. Per chi non lo sapesse, il gioco consiste nell’indovinare un volto noto attraverso una lunga serie di indizi. Il primo “aiutino” è la foto di Frank Sinatra.

Ma inaspettatamente Franco indovina al primo colpo: “È Raffaella Carrà. Ha interpretato un film con Frank Sinatra, Il colonnello Von Ryan”. A quel punto, la reazione infuriata (tutta da ridere) di Flavio Insinna: “Non ti permettere mai più di indovinare subito. Noi ci eravamo preparati tutta la notte con mille indizi, c’erano anche i fagioli. Hai fatto piangere Ginevra”. Tanta ironia in studio. E anche stavolta Franco si conferma campione.

il pranzo è servito non ti permettere

Lunedì 28 giugno è andata in onda la prima puntata de Il pranzo è servito. E non sono mancate le critiche severe, come quelle di Davide Maggio. “Un esordio timido e rispettoso di un gigante della televisione italiana, nei confronti del quale Flavio Insinna – e fa bene – si mostra quasi in difetto”, scrive il giornalista citando poi le prime frasi del conduttore al debutto della trasmissione.


il pranzo è servito non ti permettere

Flavio Insinna, le critiche iniziali

“Potevamo cominciare solo così, con un omaggio sincero, carico di affetto per un uomo straordinario, per Corrado, che c’ha regalato tantissime perle, tra queste Il Pranzo è Servito. Proviamo a giocare timidamente, con grande pudore, ed entrare nel magico mondo del Pranzo è Servito”, ha spiegato Flavio Insinna.

il pranzo è servito non ti permettere

“Musicale fedele all’originale, scenografia molto simile a quella del passato, risultando però alla vista decisamente fastidiosa (e brutta), e una gara tra concorrenti che di fatto mantiene – con una inevitabile rivisitazione – il medesimo meccanismo, a cominciare dall’elemento cardine della ruota (con tanto di simbolo della catena di discount che sponsorizza il programma), che quando sembra fermarsi su una casella, torna immediatamente a quella precedente”, prosegue Maggio sul programma di Flavio Insinna.