“Cosa succederà davvero in estate”. Covid, la previsione di Matteo Bassetti che cambia tutto

Il Prof. Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova, ormai divenuto volto noto grazie alle ospitate nei salotti tv, da molte settimane vive con una scorta discreta. Ciò è accaduto a causa delle minacce di morte ricevute a mezzo web.

Il giornale.it ha intervistato Bassetti per sapere soprattutto cosa succede con la variante Delta, quali siano le preoccupazioni e cosa ci aspetta nel prossimo futuro. Questi ma anche per fare il punto sulla sua situazione personale. Insomma una chiacchierata a 360 gradi.

Per quanto riguarda la variante Delta, che si sta diffondendo in India e in Inghilterra: “Dobbiamo essere sufficientemente allertati e preoccupati di ciò che avviene in Inghilterra senza esserne terrorizzati: l’Inghilterra ha una storia molto diversa da quella italiana: a Londra, un cittadino su tre che cammina è indiano, è evidente che rispetto al nostro Paese hanno interscambi sociali, economici, culturali con l’India che noi non abbiamo ed il controllo è più difficile”.


“Non avremo grossi numeri, sarà un’estate tranquilla con il virus che sta circolando molto poco. Il problema sarà tra pochissimo, fra 3-4 mesi: la differenza rispetto all’anno scorso è che mentre prima il virus continuava a covare, quest’anno il fuoco sotto la cenere c’è ma la differenza è che quel fuoco a settembre-ottobre si infiammerà in maniera più incisiva rispetto a quante persone troverà da contagiare. Se arriveremo con l’80% delle persone vaccinate e le scuole con buona parte delle persone vaccinate, è probabile che il Covid trovi un ostacolo alla sua circolazione così come la variante Delta. Se, invece, dovesse trovare grosse comunità non vaccinate, lì potrebbero essere dolori”.