Questo sito contribuisce alla audience di
quirinarie sergio mattarella retroscena

“Ecco cosa farà”. Sergio Mattarella, retroscena bomba dai Palazzi di Roma

Se al GF Vip la tensione è alta nei palazzi del potere non è che la situazione sia migliore. Mentre i contagi da Covid-19 continuano a salire e da più parti si levano allarmi preoccupanti la politica italiana appare impantanata. A parole, in tanti sarebbero favorevoli a vedere Mario Draghi nuovo Presidente della Repubblica. Ma nei fatti ciò comporterebbe un nuovo esecutivo possibilmente con una personalità che riesca ad unire tutte le forze. Un nome che al momento non c’è.

Dal centro destra è stato avanzato il nome di Silvio Berlusconi. Ma il leader di Forza Italia viene considerato troppo ‘divisivo’ e dalla Lega arrivano segnali tutt’altro che rasserenanti sulla candidatura del Cavaliere. Giancarlo Giorgetti poco tempo fa ad Affaritaliani ha dichiarato: “Draghi è una delle personalità più adeguate, forse la più adeguata in assoluto: credo che prima o poi possa essere la destinazione giusta per lui”. Ma c’è un altro retroscena che in queste ore sta facendo discutere e apre di nuovo uno spiraglio per il Mattarella bis.

quirinarie sergio mattarella retroscena

Nel discorso di fine anno Sergio Mattarella è stato chiarissimo: “Il mandato finisce, come prevede la Carta”. Parlando ai cittadini in questo difficile momento il Capo dello Stato ha ricordato: “è la stagione dei doveri e ciascuno deve fare la propria parte”. Ma, visto che i partiti non trovano una personalità condivisa a 11 giorni dal voto (il 24 gennaio), ecco avanzare l’ipotesi del Mattarella bis. Perché? Lo svela Dagospia dove leggiamo: “I palazzi mormorano che non sono pochi i parlamentari contattati da uomini del Colle (cioè il Quirinale, ndr) affinché, dopo le prime votazioni a vuoto, decolli l’appello dei partiti del governo per il bis di Sergione”.


quirinarie sergio mattarella retroscena

A rafforzare questo scenario si ricorda la ‘manovra’ di Sergio Mattarella che, per convincere un dubbioso Mario Draghi gli promise proprio la successiva ascesa al Quirinale. Ma c’è un altro fatto, molto più prosaico, da considerare: “Con la scusa del Covid straripante, partiti vorrebbero congelare tutto, almeno fino a settembre, quando scatterà l’ora X della pensione da parlamentare…”.

Intanto la giostra dei nomi continua a girare. Il senatore di Italia Viva Matteo Renzi ha fatto, un po’ a sorpresa, il nome di Pier Ferdinando Casini. Il centrodestra si riunisce domani, venerdì, per un incontro fondamentale. Secondo i rumors Silvio Berlusconi si presenterà con questa linea: “Voi non mi dovete chiedere dove sono i voti, ma li dovete cercare, garantendomi i vostri”. Ma Salvini porta avanti anche un altro nome, quello dell’ex presidente del Senato Marcello Pera.

E poi c’è chi spera, forse dovremmo dire sogna, una donna al Quirinale. I nomi? Da Maria Elisabetta Alberti Casellati a Letizia Moratti, da Rosy Bindi ad Anna Finocchiaro, passando per Roberta Pinotti. Ma si tratta di candidate non così forti. La favorita resta lei, il ministro della Giustizia Marta Cartabia. Già, ma favorita per chi?

Pubblicato il alle ore 12:51 Ultima modifica il alle ore 13:43