Nove (controversi) consigli per evitare uno stupro

Sta facendo discutere in Spagna la decisione del ministero dell’Interno di pubblicare una lista di metodi per evitare di subire violenza sessuale. Un decalogo che fa bella mostra di sé sul sito istituzionale. I suggerimenti fanno seguito agli ultimi fatti drammatici, due stupri di gruppo a Malaga e Gandia. Insomma, secondo il ministero dell’Interno le donne avrebbero diversi metodi per evitare di essere stuprate. Per esempio non scrivere il nome per esteso sul citofono ma solo l’iniziale, se si vive sole. Non condividere l’ascensore con uno sconosciuto né fare autostop o accettare a bordo autostoppisti. Ma quella che ha destato più curiosità – nonché l’ira di alcune parti politiche e esponenti della società civile – è il consiglio di acquistare un fischietto da usare in caso di aggressione a fini sessuali. Il fischietto dovrebbe spaventare l’aggressore o farlo sentire non più sicuro di sé. E se proprio non dovesse sembrare sufficiente, ecco un altro consiglio: chiudere bene le tende per evitare gli occhi indiscreti. Spazio anche ai suggerimenti di ogni epoca: non camminare né parcheggiare in luoghi isolati. Di sicuro tra i consigli più concreti.