Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
papa vuole morto cardinale becciu

“Mi vuole morto”. Papa Francesco, saltano fuori le chat del cardinale

  • Italia

“Il Papa mi vuole morto”, l’intercettazione del cardinale Angelo Becciu. Il cardinale è imputato in Vaticano in un processo per la compravendita, considerata truffa, di un palazzo al centro di Londra. E in una chat con parenti e amici parla di Papa Francesco. Prima del processo fu proprio il Pontefice a rimuovere Becciu dall’incarico di prefetto della congregazione dei Santi e a togliergli i diritti legati al cardinalato. Allo stesso tempo il Papa aveva trasferito i fondi dalla Segreteria di Stato all’Amministrazione del patrimonio della sede apostolica.

Inoltre aveva modificato l’ordinamento giudiziario vaticano per far in modo che pure un cardinale potesse essere processato dal tribunale vaticano. Recentemente c’era stata la concessione di far tornare il cardinale Giovanni Angelo Becciu a frequentare le cerimonie pubbliche. Adesso, durante l’udienza di mercoledì da parte del procuratore vaticano Alessandro Diddi, sono stati resi noti i messaggi delle chat. Si tratta di messaggi intercettati dalla Guardia di Finanza di Oristano, su rogatoria del Vaticano.

Leggi anche: “È necessario”. Papa Francesco, ancora problemi di salute: i medici bloccano il pontefice

papa vuole morto cardinale becciu


“Vuole la mia morte”, i messaggi del cardinale Becciu contro il Papa

Seppure non configurino reati i messaggi, scrivono le Fiamme Gialle in un’informativa pubblicata da AdKronos, dimostrano “l’esistenza di un regime condiviso di sostanziale ostilità nutrito da costoro verso le autorità giudiziarie vaticane e verso il pontefice”. Per costoro si intendono il cardinale Becciu e i suoi amici e familiari. In un messaggio del 22 luglio 2021 a Giovanna Pani il cardinale scrive: “Non pensavo arrivasse a questo punto: vuole la mia morte”.

papa vuole morto cardinale becciu

Nel corso del processo è addirittura emerso che Giovanna Pani e la figlia Maria Luisa Zambrano hanno registrato una telefonata con Papa Francesco. Pani scrive al cardinale Becciu: “È cattivo, vuole la tua fine”. Il cardinale risponde: “Non vuole fare brutta figura per la condanna iniziale che mi ha dato. Mai avrei immaginato (che) non un Papa ma (che) un uomo arrivasse a tanto”. Pani ribatte: “È un grande vigliacco, ma tu combatti e fai risplendere la verità, è dura lo so, coraggio vinceremo in pieno. C’è del marcio in Vaticano”.

In un’altra occasione il cardinale Becciu scrive: “Buongiorno! Un bel programma per oggi”. Un utente della chat scrive: “Un colpo in testa al Papa” e Becciu risponde: “Non ci riesco”. A quel punto l’utente scrive: “Lo facciamo noi”. Poi un’altra componente della chat afferma: “Dio ha il controllo di tutto, non c’è nulla da temere, basta credere, fidarsi e rigranziarLo sempre”.

La Guardia di Finanza ha anche allegato una sorta di vocabolario sardo-italiano per comprendere i messaggi: “Per fare qualche esempio, quando si leggerà: ‘Zizzù o semplicemente dovrà intendersi il Papa (Francesco, nome che viene comunemente abbreviato in ‘Ciccio’, che tradotto in sardo si scrive ‘Zizzu’); ‘Su Mannu’, dovrà intendersi il Papa; detta allocuzione in sardo significa ‘Il Grandè (inteso, nella chat, in senso gerarchico, non in senso apprezzativo), ‘Il Capo’, ‘II Principale'”. Poi: “‘Puzzinosos’, dovranno intendersi coloro i quali hanno condotto le indagini e il processo; si evidenzia che la parola sarda ‘Puzzinosù (al plurale ‘Puzzinosos’) assume molteplici significati in italiano tutti di senso dispregiativo, ossia può essere tradotta con gli aggettivi ‘puzzolente’, ‘fetido’, ‘maleodorante’, ma anche con i sostantivi ‘diavolo’, ‘demonio'”.

“È finito all’ospedale”. L’offerta del fedele è ‘troppo bassa’ e il prete reagisce così: choc in chiesa


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004