“Stop alle mascherine”. Matteo Bassetti: “Ecco chi deve cominciare a toglierle”

La lotta contro il Coronavirus continua. Ma l’Italia si trova adesso in una nuova fase. Con le riaperture, la campagna vaccinale che procede a buon ritmo e la bella stagione oggi il virus fa un po’ meno paura di qualche settimana fa. Ma le misure restrittive non possono essere abbandonate. E da più parti, commercianti in primis, si fa pressione affinché il governo si decida a togliere il coprifuoco e faccia ripartire la vita sociale anche dopo le 22.

Ancora una volta è Matteo Bassetti, il direttore della Clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova, a sposare la linea più ‘aperturista’. Nella mattinata di domenica 16 maggio, ospite di “Buongiorno Benessere”, l’esperto, insieme alla conduttrice Vira Carbone, ha mandato un messaggio chiaro sull’utilizzo delle mascherine. “Credo sia bene iniziare a parlarne, conoscendo i tempi lunghi della nostra burocrazia e delle nostre Istituzioni sanitarie” le parole di Bassetti.


“Via le mascherine ai vaccinati contro il Covid”. Questo il messaggio lanciato da Matteo Bassetti, in linea con quanto già avviene negli Stati Uniti dove, appunto, la misura è stata revocata per gli immunizzati. “Spero avvenga anche in Italia prima possibile – ha spiegato il professor Bassetti – e quindi credo sia bene iniziare a parlarne, conoscendo i tempi lunghi della nostra burocrazia e delle nostre Istituzioni sanitarie. Io sarei per levarle già da subito, almeno all’aperto, per i vaccinati, anche per dare un bel segnale a chi è ancora scettico sulle vaccinazioni”.

“Ma davvero – ha continuato Matteo Bassetti – speriamo che sia possibile nelle prossime settimane”. Inoltre sempre Bassetti con un post su Facebook ha proposto di prolungare a 12 mesi il green pass in Italia per i vaccinati da Covid: “Ci vuole un po’ più di coraggio e di iniziativa per dare segnali di ritorno alla normalità in sicurezza. Allunghiamo la durata del green pass per i vaccinati a 12 mesi. Perché deve durare solo 6 mesi?”.

“Quali studi – chiede ancora nel post Matteo Bassetti – dimostrano con certezza che la protezione da vaccino dura solo 6 mesi? La burocrazia italica e la poca reattività di alcune istituzioni rischiano di uccidere la ripartenza”. Infine il professore risponde velatamente a chi lo critica per il suo eccessivo ‘presenzialismo’: “Io intanto continuo a lavorare e a studiare, senza smettere di comunicare via tv, giornali e via social. Riesco a fare più cose insieme… come sempre”.

“Succederà a settembre”. Matteo Bassetti, il quadro è chiaro: “E a giugno la grande novità”