“Mille morti al giorno”. Matteo Bassetti, la previsione è delle più nere: “Quando arriveremo al massimo”

Emergenza Covid, le parole del professore Matteo Bassetti. In collegamento con Tagadà su La7, il programma condotto da Tiziana Panella, il direttore della clinica di malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova esprime in modo diretto il suo punto di vista sul numero delle vittime del virus. Parole dell’esperto anche in merito all’argomento sempre più dibattuto, ovvero sul vaccino.

Lapidarie le affermazioni da parte del professore Bassetti ospite della trasmissione andata in onda su La7: “L’anno scorso il picco dell’epidemia è stato il 27 marzo, quest’anno arriverà probabilmente il 24-25 marzo. Il vaccino più potente è il clima, stando meno al chiuso ci sono meno rischi. Con le chiusure a Pasqua abbiamo fatto il solito papocchio, chiuderemo l’Italia per tre giorni ma ci saranno pochi controlli, la gente andrà a passare feste a casa di altri e alla riapertura saremo da capo a dodici”. (Continua a leggere dopo la foto).


Dunque una previsione poco rassicurante sull’andamento dell’emergenza sanitaria:. “Purtroppo noi oggi stiamo vedendo, e ne vedremo ancora di più di decessi. Ahimè questo dato è destinato a salire ancora. Questa ondata che è iniziata da 3-4 settimane sta riempiendo le terapie intensive. E’ probabile che a breve sfioreremo i 1000 morti al giorno”,  poi il focus sul vaccino: “Siamo arrivati a 200 mila vaccini al giorno e c’è una prospettiva di farne 500 mila. Mi pare dunque che si stia evolvendo nel meglio”. (Continua a leggere dopo la foto).

Per l’esperto: “Ora bisogna ricostruire completamente una coscienza vaccinale. Tre giorni di fermo hanno colpito il vaccino anglo-svedese. Lo stop di AstraZeneca ha inevitabilmente causato la sfiducia nelle istituzioni. Noi abbiamo sentito cose diverse. Alla sera Ema e Aifa dicevano che AstraZeneca non aveva problemi, ma poi all’indomani hanno fermato tutto”. (Continua a leggere dopo le foto).

Il professore conclude così il suo intervento: “Io ho paura di chi ha paura del vaccino. Il rischio zero non esiste con nessun farmaco, ma questo vaccino è quello che potrà portare l’indicatore dei decessi a livello di quello inglese. In Gran Bretagna stanno ottenendo risultati straordinari grazie alla campagna di vaccinazione, ieri su 80 milioni di persone soltanto 50 erano i morti, da noi sono 500 al giorno. Chi non crede nella scienza e nei vaccini si tenga il virus. Mi spiace dirlo, ma ad oggi è così”.

Bonus da 3mila euro: decreto sostegni, ecco a chi spetta l’aiuto del governo