Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
ladro chiesa parroco pubblica foto

“Guardate, è lui!”. Choc nella chiesa italiana, il parroco decide di pubblicare tutto

  • Italia

Ladro in chiesa, il parroco pubblica la foto. È successo a Mestre, località del comune di Venezia, dove il parroco don Gianni Antoniazzi ha reagito con un gesto clamoroso alle malefatte di un giovane incappucciato. Il ragazzo ha rubato in chiesa, ma è stato ripreso della videocamere di sorveglianza. Così, per aggirare il problema, invece di desistere ha deciso di puntare altri locali della parrocchia.

Erano le tre di notte quando, incappucciato e con una mascherina sul volto, ha spaccato la vetrina di una pasticceria con un tombino. Poi ha preso un ceppo di legno in un altro negozio e con quello si è avventato sulle vetrine di altre attività commerciali. Per don Gianni è stato troppo. Il parroco ha deciso di lanciare un messaggio forte a tutta la comunità.

Leggi anche: “Non mi spaventa”. Fabio Fazio, l’annuncio improvviso lascia incredulo il suo amato pubblico

ladro chiesa parroco pubblica foto


Ladro in chiesa, il parroco pubblica la foto sul giornalino parrocchiale

Don Gianni Antoniazzi della chiesa dei Santi Gervasio e Protasio di Carpenedo ha voluto lanciare un segnale forte. Ha preso la foto del ladro dalle immagini delle telecamere di sorveglianza e l’ha pubblicata sul settimanale della parrocchia “Lettera aperta”. Il giornalino viene distribuito nelle case di tutto il rione. Il parroco ha raccontato quello che è avvenuto.

ladro chiesa parroco pubblica foto

“Alle 3 di notte circa – ha scritto don Gianni – un giovane incappucciato e con mascherina sul volto, ha preso un tombino e ha spaccato la vetrina della pasticceria… Di seguito ha preso un ceppo di legno che serviva da arredo per un’altra attività commerciale, e con quello ha provato a fare altri malanni sulle vetrine della piazza”. Poi al Gazzettino ha spiegato: “Perchè tutta la comunità deve essere responsabile di quanto avviene nel territorio e non bisogna permettere che la malavita o quella che viene chiamata benevolmente microcriminalità, ne prenda possesso”.

Don Gianni non è nuovo a iniziative del genere. Già nella primavera del 2021 fu pubblicata la foto di un ladro sorpreso dalle telecamere della chiesa a rubare le offerte nelle cassettine: “Se non ci sentiamo anche noi responsabili di quanto accade agli altri – dice il parroco – allora va a finire che la rete sociale non matura, non cresce. È importante che noi diventiamo quanto più possibili responsabili del nostro territorio: non permettiamo che la malavita ne prenda possesso”.

“Cosa succederà a Maggio”. Giorgia Meloni, le previsioni sulla premier arrivano anche da Branko


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004