Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Filippo Turetta, la decisione choc dei genitori

  • Italia
La decisione dei genitori di Filippo Turetta

Omicidio di Giulia Cecchettin, la decisione dei genitori di Filippo Turetta. Dal carcere di Halle a quello italiano, il destino di Filippo Turetta è stato già scritto da quando il 22enne è stato rintracciato in Germania, dopo essersi dato alla fuga in seguito all’assassinio dell’ex fidanzata Giulia. Contestato al giovane da parte del pm veneto Andrea Petroni, oltre l’omicidio e il sequestro di persona, anche l’occultamento di cadavere per aver caricato in auto la studentessa, aver percorso oltre 100 chilometri e quindi essersi sbarazzato del cadavere gettandola in un dirupo vicino al lago di Barcis.

La decisione dei genitori di Filippo Turetta. Nessuno riesce a darsi pace in seguito all’ennesimo caso di femminicidio a scapito della giovane vita di Giulia Cecchettin. Dal momento del tragico ritrovamento del cadavere della studentessa ad oggi, tante le mobilitazioni in piazza per protestare contro la violenza e la violazione della vita umana. Al contempo Filippo Turetta è costantemente sorvegliato in carcere.

Leggi anche: Filippo Turetta, perché è in infermeria, la notizia dal carcere di Verona

La decisione dei genitori di Filippo Turetta


La decisione dei genitori di Filippo Turetta: “Non pronti senza un adeguato sostegno psicologico“

“Ho vagato questi giorni perché cercavo di farla finita, ho pensato più volte di andarmi a schiantare contro un ostacolo e più volte mi sono buttato un coltello alla gola, ma non ho avuto il coraggio di farla finita”. Parole, e intenzioni, che i giudici hanno intenzione di non sottovalutare. La famiglia della giovanissima vittima, inoltre, ha avanzato una richiesta specifica attraverso i propri legali, ovvero che venga riconosciuta l’aggravante di stalking per il ragazzo.

La decisione dei genitori di Filippo Turetta

“Sono affranto, dispiaciuto per la tragedia che ho causato. Non voglio sottrarmi alle mie responsabilità, voglio pagare quello che sarà giusto per aver ucciso la mia ex fidanzata. Sto cercando di ricostruire nella mia memoria le emozioni e quello che è scattato in me quella sera. Fin da subito era mia intenzione consegnarmi e farmi arrestare. Questa era la mia intenzione. Ora sono molto stanco e non mi sento di aggiungere altro. Non risponderò ad alcuna domanda, mi limito semplicemente a questa dichiarazione”, sono state le parole di Filippo rilasciate nel corso dell’interrogatorio.

La decisione dei genitori di Filippo Turetta

E nelle ultime ore, anche la notizia in merito alla decisione dei genitori di Filippo, i quali hanno scelto al momento di non recarsi in carcere e non presentarsi a colloquio con il giovane. Questa decisione sopraggiunge al di là del permesso accordato dal pm. I coniugi Turetta si dichiarano “non pronti senza un adeguato sostegno psicologico“. Una decisione, dunque, tempestivamente comunicata attraverso l’avvocato Caruso alla direzione del carcere di Montorio.


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004