Marò, l’India cede: Latorre torna in Italia per quattro mesi

Buone notizie per Massimiliano Latorre, uno dei due marò bloccati in India da oltre due anni: la Corte suprema indiana ha dato il via libera al suo rientro in Italia per 4 mesi, dopo l’ischemia che l’ha colpito nelle settimane scorse. I giudici gli hanno posto come condizione una garanzia scritta di rientro al termine dei quattro mesi. Giorni fa, i giudici avevano chiesto un parere al governo, che tramite il ministro degli Esteri aveva annunciato di “non opporsi” al rientro per motivi di salute. Il militare italiano era stato colpito a fine agosto da una leggera ischemia, che lo aveva addirittura portato in ospedale per una settimana. “Speriamo che possa partire già domani”, ha detto all’Ansa un avvocato del team di difesa: “Tra stasera e domani dovremo essere in grado di completare le pratiche burocratiche necessarie per il rimpatrio”. Il team di avvocati che difendono i due militari italiani ha dunque fatto richiesta all’Alta Corte indiana perché il militare potesse tornare in Italia a trascorrere un periodo di convalescenza che gli consenta di riprendersi e alleviare il suo stato di tensione.