uomini e donne tronista Joele

Joele Milan, chi è il nuovo tronista di Uomini e Donne: 26 anni e una grande passione per i tatuaggi e il basket

Nelle scorse ore è stato ufficializzato il nome del nuovo tronista di Uomini e Donne. A dare la notizia l’influencer Deianira Marzano, che sul suo account Instagram ha ricevuto la soffiata su Joele, classe 1995, residente in provincia di Venezia.

“Ciao Deianira. Se vuoi ho un nome del tronista uomo che farà parte del cast 2021/2022. Lo conosco perché è della mia città! Non mi sta molto simpatico e non so come l’abbiano selezionato. Si chiama Joele, anno 1995, abita in provincia di Venezia! È da due mesi che dice che sarà il tronista e in settimana è arrivata la voce in città. È da giugno che ha fatto il provino e ha detto a tutti che era andato come tronista. E sabato ne ha avuto la conferma. Adesso sta girando già video presentazione. Sicura 100%”.

“Cerco un tronista che fa l’elettricista sui tetti. – aveva dichiarato la De Filippi poco tempo fa parlando della nuova edizione di Uomini e Donne – Non voglio più certi condizionamenti quando ho capito che i social erano diventati per loro un cliché, e per questo ho deciso di cambiare, voglio la vita vera”.


Accanto ad Andrea Nicole ci sarà Joele Milan, ventiseienne di Mirano, in provincia di Venezia. Diploma da ragioniere e una grandissima passione per i tatuaggi, il calcio e il basket. Stando alle anticipazioni lanciate da Ilvicolodellenews, Joele ha raccontato durante la prima registrazione di aver subito una grave delusione d’amore, scoprendo la sua fidanzata nel letto di un suo carissimo amico. Dalla pagina Instagram Uomini e Donne Classico e Over e il profilo di Amedeo Venza sono spuntate le prime foto di Joele Milan. Il 26enne sarà accanto a Andrea Nicole, la prima tronista transgender di Uomini e Donne.

“Perché partecipo a Uomini e Donne? – ha detto al Fatto Quotidiano – Per anni sono scappata dall’amore, mi sono sempre sentita inadatta, inferiore ad altre donne. Forse non abbastanza per la persona che era al mio fianco. Questo senso di impotenza rispetto alla mia inadeguatezza mi ha sempre fatta fuggire prima del dovuto, ho deciso di partecipare per sconfiggere le mie paure. Raccontando la mia storia capirò subito la reazione di chi ho di fronte”.