stefano de martino danza programma

“La responsabilità è mia”. Stefano De Martino, la confessione dopo anni sotto i riflettori: “Ora ho capito tutto”

Stefano De Martino ormai è una celebrità. Da ballerino di Amici il 32enne di Torre Annunziata di strada ne ha fatta davvero tanta. Non solo ha confermato le qualità mostrate nel talent show di Maria De Filippi. Ha fatto molto di più. Nel corso degli anni, infatti, Stefano ha saputo distinguersi nel panorama televisivo italiano come un’autentica e bella sorpresa.

La danza richiede tanti sacrifici e lui che la pratica dall’età di dieci anni lo sa bene. De Martino ha imparato, però, a destreggiarsi anche come conduttore comico di “Made in Sud”, programma di Rai2. Per non parlare poi delle pagine e delle copertine riservate alle sue relazioni con alcune delle donne più affascinanti d’Italia. Prima la storia con Belen Rodriguez, dalla quale ha avuto il figlio Santiago. Poi, più recentemente, si era parlato in estate di un flirt con Paola di Benedetto.

stefano de martino danza programma

Proprio in queste festività Stefano De Martino ha rilasciato un’intervista a Fanpage in cui ha affrontato tanti aspetti della sua vita, del suo lavoro, della sua storia. Il conduttore Rai ha parlato anche della sua nuova avventura con una trasmissione tutta per lui: “Bar Stella” andrà in onda proprio stasera, martedì 28 dicembre, su Rai 2 dalle 22 e 50. Saranno quattro puntate che Stefano ha presentato così.


stefano de martino danza programma

“Quando devi sperimentare – dice nell’intervista Stefano De Martino – il tema su cui fare le variazioni deve essere un tema che conosci bene, come nella musica con gli assoli. Non c’era nessun luogo più valido del Bar Stella che mi permettesse di sentirmi a casa”. E poi il vip ha parlato del motivo per cui ha abbandonato la danza.

Sulla decisione di lasciare la sua grande passione Stefano De Martino ha dichiarato: “Ero un buon danzatore, ma, detto tra noi, credo che nessuno oggi sentirebbe l’esigenza di andare a vedere Stefano De Martino a teatro per la danza. Bisogna anche avere coscienza dei propri limiti. Diciamo che sono in tanti a chiedermi quand’è che tornerò a danzare e io dico che è meglio far sentire la propria mancanza anziché qualcuno che dica “ma questo sta ancora qui a ballare?”. Poi arriva anche una risposta inattesa sul Festival di Sanremo: “Ora come ora sì, rifiuterei. Perché per come la vivo io Sanremo deve essere il coronamento di una carriera. È difficile anche gestire il dopo Sanremo, che è così tanto da far diventare piccola qualunque cosa tu faccia dopo”