“Scoperto grazie a un sacerdote”. Paolo Del Debbio, nessuno lo sa ma ecco la sua ‘passione’ segreta

Paolo Del Debbio continua a stupire con il suo Dritto e Rovescio, il programma che conduce il giovedì sera su Rete4. La trasmissione è un successo, ma il conduttore non si preoccupa tanto degli ascolti: “Dormo sonni sereni. C’è la telefonata del mattino con Siria Magri – la condirettrice di Videonews – che mi dice i dati e li analizziamo. Ma non vivo l’Auditel con ansia. Certo, si fa tv per essere guardati e più cresciamo, meglio è”, ha detto in una lunga intervista a Panorama.

Del Debbio difende il suo programma, neppure quando molti pensano che con Giorgia Meloni unica voce all’opposizione, i talk politici possano soffrirne. “Nel mio programma l’ingrediente principale sono le storie delle gente e quelle non cambiano che ci sia Prodi, Conte o Draghi: le persone in difficoltà e i problemi da risolvere ci sono sempre, i bisogni delle varie categorie restano gli stessi”. (Continua dopo la foto)


A Dritto e Rovescio c’è spazio per tutti. Per Del Debbio, guai a etichettare il suo programma come “di parte”: “Non me ne frega nulla. Basta guardare i dati dell’Osservatorio di Pavia per capire che diamo spazio a tutti. Da me sono venuti tutti, escluso Zingaretti ma per sua scelta. La mia è la tv di un conduttore che entra in studio e pensa da astenuto. Questo non vuole dire che alle urne mi astenga”. (Continua dopo la foto)

Durante l’intervista a Panorama c’è stato spazio anche per una confessione da parte di Paolo Del Debbio, la sua passione per la filosofia: “Proprio così mi sono appassionato alla filosofia intorno ai 16 anni. Studiavo in seminario e un sacerdote mi fece scoprire un mondo per me nuovo. Da quel momento non ho mai smesso di studiare e mi sono appassionato a San Tommaso d’Aquino e a Sartre”. (Continua dopo la foto)

{loadposition intext}

Infine Paolo Del Debbio è stato tra gli ideologi e i fondatori di Forza Italia. Del Debbio infatti ha contributo “un’era fa” alla nascita del partito di Silvio Berlusconi. “Da analista – precisa però – per me oggi è esattamente un partito come gli altri. Non so dove vogliano andare ma è chiaro che a portare a casa i voti è il Cavaliere”. Il conduttore ha anche una pagina Instagram da 44mila follower: “Al netto dei numeri, mi piace il riscontro e le risposte che sto avendo. Ero prevenuto, ma poi lo stimolo di una persona in particolare mi ha fatto riflettere sul fatto che potessi avere un altro strumento per rilanciare le mie opinioni”.

Stefania Orlando, la decisione che lascia l’amaro in bocca ai fan. C’entra il suo amico Tommaso Zorzi