la vita in diretta ricordo sposini

“Sai che ti vogliamo bene”. La vita in diretta, la commozione in diretta di Alberto Matano: “Noi ti aspettiamo”

Grande commozione da Alberto Matano a La Vita in Diretta, in chiusura di trasmissione. Il padrone di casa infatti ha inviato un saluto commosso a un grande amico del pubblico televisivo di Rai1 e non solo. Ospite in studio, l’ex direttore di Rai1 Mauro Mazza – presente per promuovere il suo libro “Diario dell’ultima notte. Ciano-Mussolini lo scontro finale” – dedica parole affettuose a Lamberto Sposini, ex conduttore della Vita in Diretta: “Tornare in questo studio dopo alcuni anni, quando ero direttore di rete…”.

E ancora: “Per me Vita in Diretta vuol dire Mara Venier, Marco Liorni, ma significa Lamberto Sposini. Un bacio grande a Lamberto che sicuramente ci starà guardando”. Naturalmente Alberto Matano si associa al messaggio affettuoso: “Come sa Lamberto qui tutti gli vogliamo un grande bene. Forza Lamberto”. Come ricorderete infatti, il 29 aprile 2011 Sposini fu colpito da un ictus, seguito da emorragia cerebrale, poco prima di iniziare a condurre Vita in Diretta.

la vita in diretta ricordo sposini

Durante la puntata si è parlato tanto del caso Denise Pipitone e Alberto Matano ha fatto girare il timone tutto intorno alla protagonista indiretta: la signora Anna Corona, ex moglie di Piero Pulizzi, padre biologico della bimba. A parlare è una persona che conosceva molto bene la Corona e che ha dunque visto proprio il giorno della sparizione di Denise Pipitone.


la vita in diretta ricordo sposini

Una rivelazione concessa in esclusiva al programma in onda su Rai 1 e che dà dunque nuovi retroscena. In attesa di comprendere se si sia davvero vicini ad una svolta totale, vi riveliamo dunque cosa ha detto quest’uomo sulla signora Anna. L’inviata della trasmissione, Lucilla Masucci, ha ascoltato il titolare dell’albergo nel quale lavorava Anna Corona, il signor Vito.

la vita in diretta ricordo sposini

Quest’ultimo ha riferito: “Quel giorno ho visto Anna Corona, è stata in albergo fino a mezzogiorno, il personale mangiava a quell’ora. Lo ricordo perché a pranzo lei prese una frutta buona che era per i clienti, io l’ho richiamata e gliel’ho fatto notare. Mangiò un uovo in padella, fino a mezzogiorno sono certo che fosse lì, dopo non posso mettere le mani sul fuoco”