“Una serata con lei? Piuttosto…”. Lo smacco a Elisabetta Gregoraci, snobbata così davanti a tutti

Elisabetta Gregoraci indimenticabile davvero in questa quinta edizione del GF Vip. C’è chi sostiene fermamente che l’ex di Flavio Briatore sarebbe tranquillamente arrivata in finale se non avesse abbandonato prima di natale la Casa di Cineccittà. La showgirl non ha mai smesso di far discutere anche fuori dal reality di Canale 5.

Ha fatto discutere per le sue dichiarazioni ma anche per tutti gli attacchi ricevuti. Non ultimo quello di Giulio Pretelli, fratello di Pier: “Se abbiamo tifato la Gregoraci per fare vacanze da lei? Noi non abbiamo bisogno di farci un weekend a Montecarlo e ricordo anche un’altra cosa. Durante una puntata dove in collegamento c’era mia madre è stata mia madre ad invitare Elisabetta a Maratea e non il contrario”. (Continua dopo le foto)


L’artefice dell’ultimo attacco sferrato ai danni della Gregoraci è Fabio Canino, famoso soprattutto per essere tra i giurati di Ballando con le stelle, a tutti gli effetti un programma rivale del GF Vip di Alfonso Signorini. Durante la sua ospitata a Tv Talk, Canino ha scoccato un dardo infuocato alla Gregoraci: “Non è snobismo, ma preferisco guardare Netflix piuttosto che parlare per una serata intera con lei”. Poi ha criticato anche il GF Vip e il suo format: “Non potrei mai stare con 24 sconosciuti, con in comune un bagno solo è antigienico ma, a parte questo, dovrei sentire discorsi di cui non me ne frega assolutamente nulla”. (Continua dopo le foto)

Canino ne ha mandate a dire anche a Signorini e ai suoi autori, accusati di scegliere di proposito personaggi divisivi che potrebbero più facilmente rendersi protagonisti di episodi scandalistici. Infatti in questa edizione sono piovute le squalifiche: “Fa parte del gioco chiamare certi concorrenti divisivi per poi squalificarli quando eccedono”. Chissà se Elisabetta Gregoraci risponderà mai a questo colpo di lingua tagliente.

“Te ne pentirai…”. GF Vip, la vippona all’attacco sulla storia tra Rosalinda Cannavò e Andrea Zenga