“Ma cosa fai?”. I soliti ignoti, Amadeus incredulo dopo il gesto dell’ospite: “Mi sono organizzato così”. Pubblico impazzito

Si torna a parlare dei Soliti ignoti, il programma dell’ammiraglia Rai condotto da Amadeus. Ospite-detective del giorno, la leggenda del trasformismo Arturo Brachetti. Anche stavolta si è giocato per devolvere il montepremi alla Fondazione Italiana per l’Autismo. Il percorso di Brachetti è stata altalenante, l’artista ha perso per due volte l’intero montepremi a causa dell’imprevisto. Alla fine, l’ospite riesce ad arrivare alla fase finale con un tesoretto di 22mila euro. Ma è durante l’indagine che avviene qualcosa di inaspettato.

È proprio a questo punto che Brachetti indovina l’identità di un ignoto e tira fuori dalla tasca una mascherina in cui è raffigurata la sua bocca che sorride. Stessa storia al primo errore, l’artista tira fuori la mascherina con il broncio. Amadeus, dopo il primo attimo di incredulità, scoppia in una risata e il trasformista commenta: “Mi sono organizzato”. Il gioco continua. Entra il parente misterioso, il fratello di uno degli ignoti. Arturo Brachetti decide di non dimezzare e sceglie il concorrente numero 5. (Continua a leggere dopo la foto)


Il bravissimo Brachetti indovina il parente misterioso e l’artista devolve in beneficenza 22mila euro. Domani si torna a giocare per la solidarietà. Solo qualche giorno fa ha fatto molto sorridere una richiesta insolita avvenuta da Sigfrido Ranucci. L’indagine è stata stravolta da una frase inaspettata: “Ho osservato i pollici degli ignoti e ho scelto il più somigliante”, ha detto il detective vip. (Continua a leggere dopo la foto)

“È la prima volta che un concorrente chiede di osservare i pollici“, ha detto Amadeus. Sigfrido Ranucci ha scelto l’ignoto numero 3 ma, dopo aver comparato i pollici, ha un dubbio: “Cambierei con il 5”. “Ormai non si può”, lo ha gelato Amadeus. Intanto i due ignoti sono stati fatti accomodare accanto al parente misterioso e il padrone di casa a quel punto ha affermato: “Vediamo… effettivamente il pollice dell’ignoto numero 5 è più storto, quello del 3 è più dritto”. (Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}
E ancora: “Anche io potrei essere parente vostro, anche io ho il pollice un po’.. forse siamo parenti e non lo sappiamo”. Incredibile ma vero la risposta corretta era l’ignoto numero 5. Niente da fare dunque, stasera si tornerà a giocare per devolvere il montepremi alla Fondazione Italiana per l’Autismo.

Ti potrebbe anche interessare: “Ha il coraggio di ammetterlo”. Matteo Bassetti, succede quando appare in tv. Perché si parla di lui in questo modo