Raimondo Todaro Furia Amici 21 Mattia Zenzola

“Punizione, te la meriti”. Amici, Raimondo Todaro ha deciso. Lacrime al talent

Momento difficilissimo per un allievo di ‘Amici 21’. Raimondo Todaro ha infatti scatenato tutta la rabbia su di lui per un comportamento assunto dal ragazzo, che gli ha fatto perdere la ragione. E per questo motivo ha deciso di punirlo in maniera esemplare. Una decisione che ha colpito pesantemente il ballerino, che non si aspettava di dover affrontare una situazione del genere. E ha anche replicato, dicendo di non meritare assolutamente questo provvedimento netto del suo maestro di ballo.

Qualche giorno fa era invece scoppiato in lacrime LDA per colpa di Anna Pettinelli: “Ma io cosa devo fare, cosa devo fare? Non ce la faccio più, zero, ma come si fa. Una settimana dietro quella canzone e zero. Zero e sono di nuovo in sfida, non ho parole. Non ci posso pensare. Zero, da una settimana che sto dietro a questa canzone. Non ce la faccio più Mattia, a questo punto mi viene da pensare che lei non sappia scindere la persona da quello che sale sul palco. Zero significa che non sono salito sul palco”.

Raimondo Todaro Furia Mattia Zenzola Amici 21 Maglia Sospesa

Raimondo Todaro ha notato un comportamento inadeguato dello studente, parso con poca voglia e indisponente. E lo ha attaccato: “Mi hai fatto venire mal di pancia per il suo atteggiamento. Tutta la lezione che non ti andava, eri mezzo addormentato, eri indisponente. Non ci si comporta così con i professionisti che lavorano per voi. Al posto di Umberto ti avrei mandato in casetta dopo due minuti. Christian era perfetto, si impegnava ed aveva il sorriso. Tu invece eri un cadavere, non ti voglio sentire parlare”.


Amici 21 Furia Raimondo Todaro Mattia Zenzola Maglia Sospesa

E quindi Raimondo Todaro gli ha sospeso la maglia per una settimana. E il ballerino è scoppiato a piangere: “Ti sto trattando come un figlio – ha aggiunto l’insegnante -. Te ne stai in casetta una settimana senza lezioni, in puntata non balli e stai seduto, fai funzionare il cervello e ti rendi conto di quello che hai fatto. Sei stato arrogante, spocchioso e indisponente. Era un atteggiamento brutto perché non eri stanco e non stavi male”. E poi Mattia Zenzola ha cercato ugualmente di difendersi fino alla fine.

Parlando poi con il compagno LDA, dopo aver ascoltato le durissime parole di Raimondo Todaro ed essere stato costretto ad accettare la punizione, Mattia ha detto: “Mi dispiace, però non penso di meritarlo. Non sorridevo come mio solito, ma ho voluto fare lo stesso la lezione e non c’ero con la testa. Non hanno voluto capire il motivo del perché stessi così”. Ma ormai la decisione è presa.