“Sono intrappolato in un corpo che non è il mio”. Dopo moltissimi anni di sofferenza interiore, matrimoni falliti e problemi con i (numerosi) figli, il famosissimo atleta decide di cambiare radicalmente la sua vita, diventando ciò che ha sempre sognato

 

Vi ricordate quando Bruce Jenner diede l’annuncio di voler diventare donna? Sicuramente fu una delle storie cha hanno fatto più chiacchierare l’America (e non solo) negli ultimi anni. Il celebre atleta negli anni ’70, medaglia d’oro nel Decathlon alle Olimpiadi di Montrèal, prima di fare questo importante e sconvolgente passo Bruce ha avuto una vita matrimoniale molto intensa: tre mogli e sei figli.

Dal 1972 al 1980 è stato sposato con Chrystie Crownover (da cui ha avuto Burt e Casey), dal 1981 al 1985 con Linda Thompson (con la quale ha avuto Brandon e Brody) e infine con Kris Jenner dal 1991 al 2014.


(Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}

E proprio da quest’ultima ha avuto Kendall e Kylie, le due sorelle più famose al mondo. Ma non solo, perché sposando Kris, Bruce Jenner è diventato anche patrigno di una delle famiglie più amate/odiate d’America: i Kardashian. Ma chi pensa che questo cambiamento sia solo un capriccio dovrà ricredersi, come svela la sua seconda moglie nella sua autobiografia: “A Little Thing Called Life”: da sempre, Bruce Jenner ha voluto essere una donna e Caitlyn era già dentro di lui prima della trasformazione fisica. La Thompson, ex cantautrice e attrice americana legata sentimentalmente anche a Elvis Presley (dopo il divorzio dalla moglie Priscilla), nel suo libro getta una nuova luce sul percorso che ha trasformato Bruce in Caitlyn: “Era muscoloso, dolce e timido ma mascolino e virile allo stesso tempo”, “Eravamo legati da un’autentica passione”. Fino alla confessione: “Era il 1985, un giorno venne da me. Aveva uno sguardo cupo”. “C’è qualcosa che ho veramente bisogno di dirti… mi sento donna, una donna intrappolata in un corpo di uomo. Ho vissuto nella pelle sbagliata per tutta la mia vita, voglio iniziare il percorso di transizione”.

(Continua a leggere dopo la foto)

Jenner allora iniziò la terapia ormonale, ma voleva continuare a stare con la moglie. “Ma io non sono mai stata attratta dalle donne”, ha spiegato la Thompson, “Non volevo essere sposata con una donna, anche se avrebbe avuto il respiro di mio marito. Una volta lui le diede appuntamento in un hotel a New York, e quello fu uno dei momenti decisivi nella vita di Jenner. “Bussai con la speranza che il mio matrimonio potesse riaccendersi in quell’incontro. Ma Bruce aprì la porta vestita da Caitlyn. Indossava una parrucca, trucco e tacchi a spillo. E io scoppiai a piangere. “Mi dispiace”, disse. “Volevo solo che tu vedessi chi sono veramente. Lo amavo ancora, ma da allora non facemmo più l’amore”.

(Continua a leggere dopo la foto)

La coppia decise la separazione senza dire nulla ai bambini, né ai figli del precedente matrimonio. Per essere Caitlyn l’atleta ha aspettato fino al 2015. Nonostante tutto però Linda Thompson ha dichiarato: “Sostengo Caitlyn ma a volte mi manca Bruce”.

Caitlyn Jenner, alla campionessa transgender il “premio per il coraggio”: lei si commuove e la platea…

Pubblicato il alle ore 09:20 Ultima modifica il alle ore 11:28