Choc in una delle famiglie più famose d’Italia. L’erede affronta un ‘’rivale’’ e lo uccide con una coltellata. Poi torna a casa ed esulta su Facebook con una frase che non lascia spazio alle interpretazioni: ‘’E uno saccagnato. Ora tocca all’altro…’’

 


Un uomo di 46 anni, Werner De Bianchi, è morto nella notte dopo essere stato accoltellato nella serata di ieri a Santa Maria di Ricadi, nei pressi di Tropea, in provincia di Vibo Valentia. Il presunto autore dell’omicidio è Alex Orfei, 31 anni, artista circense nipote di Amedeo Orfei e parente, alla lontana, della celebre Moira. Orfei è stato arrestato dagli agenti della Squadra mobile di Vibo Valentia. 

Orfei, praticamente reo confesso su Facebook (‘’è uno saccagnato, adesso tocca all’altro’’) è stato arrestato dagli agenti della Squadra mobile di Vibo Valentia e del posto fisso di Polizia di Tropea.

(Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}

Intorno alle ore 18 di ieri, venerdì 12 agosto,  Werner De Bianchi è stato accoltellato nello spiazzo antistante un supermercato. Trasportato all’ospedale di Tropea e successivamente a quello di Vibo Valentia, dove è stato sottoposto a intervento chirurgico d’urgenza, è morto durante la notte. Arrivare successivamente ad Alex Orfei è stato sin troppo facile. Dopo i primi accertamenti, sembra che De Bianchi e Orfei, appartenenti a due circhi diversi entrambi attualmente impegnati in Calabria, si sarebbero incontrati per un chiarimento, poi degenerato.

(Continua a leggere dopo la foto)

Ma che fra Alex Orfei e la vittima vi fossero ruggini e che l’omicidio sia stata l’escalation finale lo si deduce anche dai post pubblicati su Facebook proprio da Orfei.

 Uno, alle 10,30 di ieri mattina, poche ore prima dell’accoltellamento, è un messaggio già rimosso da Facebook per la sua volgarità, ma riproposto da Orfei con la scritta: “E io lo rimetto”. Nel testo, pesanti apprezzamenti sulle preferenze sessuali delle “mogli dei fratellini De Bianchini”.

(Continua a leggere dopo la foto)

 In concomitanza con l’accoltellamento è apparsa una frase che sembrava rivendicare l’aggressione di De Bianchi: “E uno saccagnato, ora tocca all’altro!”. Alex Orfei lavora nel circo Amedeo Orfei, uno dei tanti che si richiama alla tradizione circense di una famiglia che, con Nando e Moira Orfei, ha reso famoso il circo in Italia e nel mondo. Sembra che dietro l’omicidio ci sia un’antica rivalità tra circhi.

“Ho 18 anni e sono ancora vergine, devono morire”, ragazzo accoltella tre donne per la strada

Pubblicato il alle ore 10:58 Ultima modifica il alle ore 11:30