“Ma non ti vergogni?”. Mahmood, ecco come si è fatto vedere. Applausi, ma anche critiche feroci

Un anno denso di soddisfazioni per Mahmood, passato dalla vittoria al Festival di Sanremo, al podio dell’Eurovision, ai fan che si sono moltiplicati sulle sue pagine social. Una voce intensa Mahmood, ma pure una testa a una simpatia fuori dal cantante. Motivi che spiegano il suo successo. Si perché Mahmood non sa solo cantare molto bene, sa anche come funzionano i social network. E con l’ultimo scatto pubblicato su Instagram ha scatenato la curiosità e l’ilarità degli utenti.

Protagonista, oltre al suo volto, un accessorio che non passa inosservato: un orecchino d’oro. Anzi, un copri-orecchio equipaggiato da un suo orecchino rosso (è un accessorio Gucci, da 300 euro). Insomma, più facile a indossarsi che a descriversi. Molti fan, nei commenti, approvano con pollici alti , cuoricini e complimenti — «Quanto sei bello». Altri sono un po’ perplessi e si chiedono se non sia troppo pesante da portare. Critiche poi da chi da Mahmood non si aspettava un accessorio così costoso. Ai colleghi piace: Noemi ha postato un cuore, il produttore Dardust una bomba. Quest’estate, fra l’altro, si era vociferato di una presunta e poi smentita relazione fra Mahmood e il produttore. Continua dopo la foto


Nato e cresciuto a Milano da madre sarda e padre egiziano (“Sono italiano al 100%, chiarisce subito), classe 1992, oltre a cantare scrive e compone le sue canzoni. All’anagrafe Alessandro Mahmoud, ha conquistato la possibilità di gareggiare con ‘Soldi’ tra i big della musica italiana vincendo, insieme a Einar, Sanremo Giovani con il brano ‘Gioventù bruciata’. “Che botta raga’”, aveva detto emozionatissimo quella sera ricevendo il premio dalle mani di Pippo Baudo. Continua dopo la foto

Una grandissima emozione che si è ripetuta ieri sera quando, di nuovo incredulo, è stato proclamato vincitore della 69esima edizione della kermesse canora: “E’ pazzesco, non ci credo”, ha detto sul palco dell’Ariston, mentre Virginia Raffaele – prendendogli il viso tra le mani e scuotendolo – gli diceva “è tutto vero, Mahmood, è tutto vero”. Parlando con l’Adnkronos del suo Ep ‘Gioventù bruciata’, sulla scelta del titolo aveva parlato di una sua “malinconia innata” come il protagonista del film. Continua dopo la foto

{loadposition intext}
Malinconia presente in tutti i suoi testi come “allo stesso tempo, la forza di reagire”. Il 27enne aveva già preso parte a Sanremo nella categoria giovani nel 2016, con la canzone ‘Dimentica’. Nel 2017 le collaborazioni con Fabri Fibra, nella canzone ‘Luna’, e con Michele Bravi con cui ha scritto il brano ‘Presi male’. Nello stesso anno escono anche due singoli ‘Uramaki’ e ‘Pesos’, presentato al Wind Summer Festival.


Ti potrebbe interessare: Altro che risparmio! Kate Middleton, il dettaglio che fa infuriare tutti. Da lei non se lo aspettavano