“Ce ne andiamo, va bene”. Fischi e insulti per Al Bano e Vittorio Sgarbi. Pesanti le critiche del pubblico

Vittorio Sgarbi e Al Bano, l’accoglienza non è stata delle migliori., Tutto durante il concerto tributo, Invito al Viaggio, in memoria della figura iconica della musica italiana Franco Battiato, venuto a mancare all’età di 76 anni lo scorso 18 maggio.Il cantautore si è spento nella sua residenza di Milo e come tutti sanno era malato da tempo. Infatti dopo la frattura al femore e al bacino era riapparso sui social ma non più in pubblico.

Un evento in sua memoria. La scomparsa del cantautore italiano chiama ancora a omaggiarne la memoria. Ed è per questo che il concerto tributo per Franco Battiato ha visto la partecipazione di un cast molto variegato di ospiti e di professionisti, nell’ambito della musica, ma anche della cultura italiana.

Concerto Franco Battiato Verona Al Bano Vittorio Sgarbi fischi

Presenti Gianni Morandi e Fiorella Mannoia, ma anche Gianna Nannini e Morgan, Jovanotti e Saturnino, l’allieva Alice, Vasco Brondi, Francesco Bianconi, i Subsonica: “Abbiamo avuto l’onore di essere stati scelti da Battiato come ospiti di un evento da lui curato”.


Concerto Franco Battiato Verona Al Bano Vittorio Sgarbi fischi

“Arrangiammo alcuni suoni brani e lui cantò con noi alcune nostre canzoni. Quella giornata toccammo da vicino tutta la sua disponibilità e dolcezza”, si legge su Il Corriere della Sera. Ma durante il grande evento, Vittorio Sgarbi e Al Bano, non previsti in scaletta, sono stati letteralmente fischiati dal pubblico dell’Arena di Verona.

Concerto Franco Battiato Verona Al Bano Vittorio Sgarbi fischi

Non hanno potuto fare altro che lasciare il palcoscenico, ma non senza esprimere il loro dissenso, tra imbarazzo e amarezza: “Vorrei dedicarvi un sonetto, vorrei dedicarvi una poesia, vorrei fare tante cose di quelle che avevo in mente di fare, ma la miglior cosa è che io me ne vada così come sono arrivato“.

Concerto Franco Battiato Verona Al Bano Vittorio Sgarbi fischi

Queste le parole dette a caldo a microfoni accesi dal cantante di Cellino San Marco. E il cantante non poteva che essere seguito anche dal critico d’arte: “Saluto mia sorella e tanto mi basta, e a quelli che mi insultano dico ‘siate felici‘“.

Pubblicato il alle ore 10:30 Ultima modifica il alle ore 10:31 Tag