Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

“Commessi due gravi errori”. Michael Schumacher, 10 anni dopo nuove verità sull’incidente

  • Italia
michael schumacher verità dopo 10 anni

Michael Schumacher, fuori la verità dopo il gravissimo incidente. Un giorno che nessuno potrà mai dimenticare quando il 29 dicembre 2013 l’ormai ex pilota Formula 1 è rimasto coinvolto in un grave incidente sugli sci che gli è costato molto caro. Una caduta avvenuta a Meribel, sulle Alpi francesi, e poi la fine di una gloriosa carriera oltre a un completo stravolgimento della vita del pilota. Dopo 10 anni da quel giorno, emerge una verità cruda che contempla due gravi errori commessi che sono poi risultati cruciali.

La verità dopo dieci anni sul grave incidente che ha colpito Michael Schumacher. Nessuno riesce a darsi pace, nonostante il tempo trascorso da quel 29 dicembre del 2013 quando il pilota è stato vittima di una caduta e in seguito del quale ha trascorso diversi mesi in coma farmacologico.

Leggi anche: “Come stai?”. Scandalo su Michael Schumacher, la notizia fa rabbrividire tutto il mondo

 verità dopo dieci anni sul grave incidente che ha colpito Michael Schumacher


La verità dopo dieci anni sul grave incidente che ha colpito Michael Schumacher: due errori commessi

Massima discrezione voluta dalla moglie Corinna sulle condizioni di salute dell’ex pilota. Come ormai è noto, sono pochi gli amici e gli affetti che possono ad oggi recarsi in casa dall’ex pilota per fargli visita. E dopo 10 anni da quel giorno, si starebbe diffondendo un’inchiesta del giornalista Jens Gideon pubblicata in una serie podcast dall’emittente tedesca ARD che mira a fare luce proprio su cosa sia avvenuto il giorno dell’incidente e quali sarebbero stati gli errori commessi.

 verità dopo dieci anni sul grave incidente che ha colpito Michael Schumacher

Stando alle parole del giornalista e alla scoperta emersa dopo l’inchiesta sul caso, due errori sarebbero stati commessi, il primo da ricondurre a Schumacher stesso, consapevole quel giorno di non disporre delle condizioni ideali per sciare: poca neve al suolo per un fuoripista. “Non si va lì in un giorno come quello. Era palese che non c’era abbastanza neve per sciare”.

 verità dopo dieci anni sul grave incidente che ha colpito Michael Schumacher

Il secondo errore invece sarebbe da attribuire ai primi soccorritori. Intervistando il maestro di sci locale sarebbe emerso che i soccorritori avrebbero sottovalutato le condizioni di salute del pilota, vedendo di fatto cosciente. Giunti sul posto, avrebbero indetto il trasferimento presso l’ospedale di Moutiers, per poi rendersi conto, giunti a Moutiers, che sarebbe stato più opportuno il ricovero presso un’ospedale più grande e attrezzato di Grenoble. Il pilota, giunto a Moutiers, venne infatti urgentemente intubato e operato solo una volta giunto a Grenoble. Stando alle parole del maestro di sci, quei minuti di viaggio persi nel trasporto da un ospedale a un altro, sarebbero stati decisivi.


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004