“L’aveva promesso e l’ha fatto”. Mario Draghi, la decisione sullo stipendio da premier: è ufficiale

Il 3 febbraio 2021 il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha affidato a Mario Draghi l’incarico di formare un nuovo governo. Il 13 febbraio l’ex presidente della Banca Centrale Europea ha prestato giuramento. È nato così, in piena pandemia da Coronavirus, il sessantasettesimo esecutivo della storia della Repubblica. Di certo il nome di Mario Draghi era già ben noto agli italiani.

Non solo per il ruolo ricoperto alla guida della BCE, ma anche per essere stato direttore generale del ministero del Tesoro dal 1991 al 2001. Draghi è stato professore ordinario di Economia internazionale all’Università di Firenze e ha ricoperto incarichi anche nella Banca Interamericana di Sviluppo e nella Banca Mondiale. È stato inoltre  vicepresidente per l’Europa di Goldman Sachs, una delle maggiori banche d’affari del mondo. Ma quanto guadagna Mario Draghi come presidente del Consiglio?


Ebbene Mario Draghi non percepisce alcuno stipendio come premier. Naturalmente è stato lo stesso presidente del consiglio a rinunciare al compenso previsto. Ed è stato il sito della Presidenza del Consiglio, in rispetto della trasparenza amministrativa, a rendere pubblici i dati. Il reddito di Mario Draghi nel 2020, anno fiscale 2019, non raggiunge le 600mila euro, essendo di 581mila e 665 euro.

Oltre a quanto è possibile vedere nel suo 730, Mario Draghi ha firmato una dichiarazione pubblica, riportata sul sito di Palazzo Chigi, in cui afferma di: “non percepire alcun compenso di qualsiasi natura connesso all’assunzione della carica”. Per quanto riguarda, invece, i beni immobili appartenenti a Mario Draghi risultano dieci fabbricati, di cui uno a Londra, alcuni in comproprietà e uno in comunione. Sono suoi anche sei terreni. Draghi ha inoltre dichiarato di avere una partecipazione nella società “Serena”.

La particolarità? Mario Draghi non possiede né automobili né barche. Con il suo gesto l’attuale presidente del Consiglio ha rinunciato allo stipendio di circa 80mila euri annui, ovvero un mensile di 6700 euro. Tanto per la cronaca, per il Presidente della Repubblica è previsto un compenso, lordo annuo, di 293mila euro. Mentre i parlamentari, senatori e deputati, guadagnano 216mila euro lordi all’anno.

“Quando riapriamo tutto”. Mario Draghi, spunta la data: “Così si tornerà alla normalità”