“Siamo alla fine”. Covid, l’annuncio di Mario Draghi: “Grazie allo sforzo di tutti”

Emergenza sanitaria, le parole del premier Mario Draghi sono rassicuranti. Lo ha annunciato attraverso un video collegamento al Summit B20, soffermandosi sulla campagna di vaccinazione e i risultati finora conseguiti in merito all’incubo, quello del virus, che per mesi e mesi ha interessato ogni ambito della vita sociale del Paese.

Previsione certamente rassicuranti quelle del premier Mario Draghi che così si è espresso alla luce dei dati registrati grazie alla campagna di vaccinazione anti Covid: “Il rapido sviluppo di vaccini efficaci contro il Covid-19 mostra come la cooperazione tra governi e imprese possa salvare vite umane. Lo sforzo di ricerca delle aziende farmaceutiche è iniziato subito dopo la scoperta dei primi casi di Covid-19”.

Mario Draghi campagna vaccinazione previsione fine pandemia

“Grazie all’ingegnosità del settore privato, i vaccini erano pronti poco dopo, mentre normalmente ci vogliono circa dieci anni”, ha aggiunto il presidente del Consiglio, sottolineando: “I governi, da parte loro hanno fornito generose sovvenzioni per finanziare il lavoro di laboratorio, le sperimentazioni cliniche e la produzione di vaccini”.


Mario Draghi campagna vaccinazione previsione fine pandemia

“Il settore pubblico ha impegnato somme significative in appalti a lungo termine che hanno protetto l’industria dal rischio di fallimento. Attualmente abbiamo somministrato più di 6 miliardi di dosi di vaccini in tutto il mondo. I nostri sforzi congiunti ci hanno aiutato a tenere sotto controllo la pandemia in molti paesi e a darci la speranza che la sua fine sia finalmente in vista”.

Mario Draghi campagna vaccinazione previsione fine pandemia
Mario Draghi campagna vaccinazione previsione fine pandemia

Una previsione che rassicura quella del premier Draghi e che lascia intravedere finalmente una luce in fondo al tunnel: “Il vertice di oggi è un’eccellente opportunità per rafforzare i legami tra il settore pubblico e quello privato a livello multilaterale. Ciò è essenziale per garantire una ripresa solida, equa e sostenibile dalla pandemia e per affrontare le altre sfide dei nostri tempi, compreso il cambiamento climatico”.