Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

“Addio, ti voglio bene”. Lutto per Giorgia Meloni

  • Italia

Anche Giorgia Meloni, suo malgrado, si è ritrovata coinvolta emotivamente nella ‘strage del condominio’ di Roma. Il bilancio è devastante, contando tre donne uccise mentre un’altra è ricoverata presso l’ospedale Sant’Andrea. Secondo le fonti del nosocomio capitolino, è in prognosi riservata ed è stata sottoposta ad intervento chirurgico è ora è affidata alle cure del reparto di rianimazione, notizia diffusa dall’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

La notizia che ha sconvolto l’Italia: Spara durante una riunione di condominio: quattro morti. Città sotto choc

Strage del condominio, anche Giorgia Meloni in lutto

Il fermato per i tragici fatti è un uomo di 57 anni, Claudio Campiti. All’improvviso ha estratto la pistola e ha fatto fuoco uccidendo Sabina Sperandio, Elisabetta Silenzi e Nicoletta Golisano.

giorgia meloni lutto strage condominio


Il coinvolgimento della presidente del consiglio, Giorgia Meloni, si è scoperto con un suo post sui social. “Nicoletta era una mamma protettiva, un’amica sincera e discreta, una donna forte e fragile allo stesso tempo. Ma era soprattutto una professionista con un senso del dovere fuori dal comune. È stato quel senso del dovere a portarla lì, di domenica mattina, dove un uomo la aspettava per ucciderla a colpi d’arma da fuoco, insieme ad altre due donne, durante una riunione di condominio a Roma”, ha scritto.

giorgia meloni lutto strage condominio

“Nicoletta era mia amica. Lascia il marito Giovanni e uno splendido bambino di dieci anni, Lorenzo. Con la sua, altre famiglie, alle quali esprimo tutta la mia vicinanza, sono state distrutte”, ha aggiunto la leader di Fratelli d’Italia.

“L’uomo che ha ucciso queste tre donne innocenti, e ha ferito altre tre persone, è stato fermato e spero la giustizia faccia quanto prima il suo corso. Il poligono dal quale aveva sottratto la pistola (il porto d’armi gli era stato rifiutato) è sotto sequestro. Eppure la parola “giustizia” non potrà mai essere accostata a questa vicenda. Perché non è giusto morire cosi'”, ha aggiunto Giorgia Meloni.

“Nicoletta era felice, e bellissima, nel vestito rosso che aveva comprato per la festa del suo cinquantesimo compleanno, qualche settimana fa. Per me sarà sempre bella e felice cosi’. A Dio Nico. Ti voglio bene”, la conclusione del post della premier.


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004