Nuovi guai per Fabrizio Corona: fermato dalla Guardia di Finanza. Rischia di nuovo il carcere

Fari di nuovo accesi su Fabrizio Corona, per l’ex re dei paparazzi si mette male. Nei giorni scorsi aveva fatto parlare di sé per i problemi di salute del figlio Carlos, finito in Svizzera per curare alcuni aspetti comportamentali. “Aveva delle ossessioni nei confronti delle cose e delle persone e Nina ha deciso di portarlo in Svizzera, ma mi sono arrabbiato da morire”, aveva spiegato Corona. Parole confermate da Carlos: “In realtà mi sono fissato un po’ con questa ragazza, la vedevo dappertutto. La pandemia è stata difficile per tutti i ragazzi e per me lo è stata ancora di più”.


“In Svizzera gli hanno ridato la felicità – aveva precisato Fabrizio Corona – Ora sta con me durante il giorno e la sera va da Nina. Ho fatto pace con lei quando l’ho visto sorridere”. E Carlos ha aggiunto: “Ora sto bene, ho finito il liceo e vorrei iscrivermi all’università e scegliere la facoltà di filosofia. Anche se con lo spettacolo si guadagna di più”. Un capitolo chiuso.

fabrizio corona


Ma uno ben peggiore si potrebbe aprire per Fabrizio Corona sorpreso dalla Guardia di Finanza mentre si intratteneva in un locale di Genova. A quanto si apprende l’ex re dei paparazzi, che sta scontando la sua condanna agli arresti domiciliari, aveva chiesto e ottenuto un permesso per recarsi a Roma a far visita a qualche parente: invece ha “deviato” verso la Liguria dove è stato beccato dai finanzieri che lo hanno denunciato per evasione.


fabrizio corona


Bocciata la richiesta del pm che aveva chiesto il carcere, per Fabrizio Corona è scattata una denuncia a piede libero. Ma potrebbe non essere finita qui. È possibile infatti che il tribunale di sorveglianza di Milano decida di applicar edi nuovo la misura cautelare in carcere dal momento che non è la prima volta che Corona approfitta dei domiciliari per fare qualche “scappatella”.

fabrizio corona

Fabrizio Corona era di Monza lo scorso 15 aprile, dopo che il Tribunale di Sorveglianza di Milano aveva accolto la richiesta dei suoi difensori di sospensione dell’esecuzione del provvedimento con cui nel marzo scorso era tornato in carcere, in attesa che la Cassazione si esprimesse sul punto. L’ultima pagina sulla storia giudiziaria di Fabrizio Corona è lontana dall’essere scritta.