Dopo due secoli riuniti i sacri splendori dei Medici

Palazzo Pitti di Firenze ospita il tesoro della Cappella delle reliquie appartenuto ai granduchi medicei, uno dei più vasti tesori sacri d’Europa.  La mostra dei reliquiari, promossa dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, dalla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Toscana e dalla soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico è stata curata da Riccardo Gennaioli e Maria Sframeli e resterà aperta dal 9 giugno al 2 novembre. Il primo nucleo di questa raccolta è costituito dalla collezione privata di Cristina di Lorena e da quella della sua nuora, la granduchessa di Toscana Maria Maddalena d’Asburgo, moglie di Cosimo II de’ Medici, che si avvalse dell’apporto di illustri corrispondenti per assicurarsi numerose reliquie di grandissimo valore. In pochi anni Maria Maddalena riunì nella ‘Cappella delle Reliquie’ uno straordinario insieme di opere che fu accresciuto ulteriormente dalla granduchessa Vittoria della Rovere e da suo figlio, il granduca Cosimo III, e furono conservate presso la Cappella delle reliquie fino al 1785, quando iniziò il disgregamento della collezione ad opera del granduca Pietro Leopoldo di Lorena. Attraverso un minuzioso lavoro di archivio la mostra intende restituire un’immagine di queste preziosissime collezioni, testimonianza della profonda devozione della famiglia granducale e al contempo simbolo di prestigio e di magnificenza, fonte di denaro e coagulo di identità collettiva, riunite di nuovo in un’unica esposizione dopo  più di duecentoventi anni.

Visita il sito ufficiale: http://www.polomuseale.firenze.it/