Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Covid la svolta del governo Meloni

Covid, la svolta del governo Meloni: cosa cambia

  • Italia

Covid, la svolta del governo Meloni. Nel suo discorso al Senato, la premier italiana ha spiegato il motivo secondo il quale è necessario un cambio di rotta in questione Covid. Così, a circa sei mesi dalla sospensione dello stato d’emergenza e in considerazione dell’andamento del contagio da Covid-19, il ministro della Salute Orazio Schillaci “ritiene opportuno avviare un progressivo ritorno alla normalità nelle attività e nei comportamenti, ispirati a criteri di responsabilità e rispetto delle norme vigenti”.

A comunicarlo è proprio l’ufficio stampa del ministero della Salute. E dice ancora: “Anche in base alle indicazioni prevalenti in ambito medico e scientifico, si procederà alla sospensione della pubblicazione giornaliera del bollettino dei dati relativi alla diffusione dell’epidemia, ai ricoveri e ai decessi, che sarà ora reso noto con cadenza settimanale, fatta salva la possibilità per le autorità competenti di acquisire in qualsiasi momento le informazioni necessarie al controllo della situazione e all’adozione dei provvedimenti del caso”.

Leggia anche: Obbligo mascherine, la decisione del neo ministro della Salute

Covid la svolta del governo Meloni


Covid, la svolta del governo Meloni

Tra l’altro, il Ministro informa che le cose cambieranno anche per quanto riguarda il personale sanitario soggetto a procedimenti di sospensione per inadempienza all’obbligo vaccinale e l’annullamento delle multe previste dal decreto legge 44/21.

Covid la svolta del governo Meloni

“In vista della scadenza al prossimo 31 dicembre delle disposizioni in vigore e della preoccupante carenza di personale medico e sanitario segnalata dai responsabili delle strutture sanitarie e territoriali, è in via di definizione un provvedimento che consentirà il reintegro in servizio del suddetto personale prima del termine di scadenza della sospensione”.

Covid la svolta del governo Meloni

E non è finita: dal primo novembre decadrà automaticamente l’obbligo di mascherine in ospedali e Rsa, ambulatori e centri diagnostici e, a quanto si sa, non sarà rinnovato. L’obbligo vaccinale in vigore per i sanitari, invece, scadrà il 31 dicembre e il nuovo esecutivo non ha intenzione di riproporlo. Di più: Schillaci, come detto, ha annunciato il reintegro del personale sanitario sospeso perché non vaccinato. Una decisione che farà discutere non poco.

Leggia anche: Fiorello, cosa ha detto (a modo suo) sul governo di Giorgia Meloni


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004