Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
covid pierpaolo sileri mascherine green pass

“Stop al green pass?”. È Pierpaolo Sileri a spiegare la situazione sulla certificazione anti Covid

  • Italia

Covid, siamo in una nuova fase. Ormai da diverse settimane i contagi sono in calo, mentre la campagna vaccinale ha raggiunto il 91,23% di persone almeno parzialmente protette e l’88,43% vaccinata. Sulla eventualità di una quarta dose il ministro della Salute Roberto Speranza ha spiegato che al momento “Non c’è ancora un’evidenza scientifica”.

Lo stesso ministro, ieri 6 febbraio nel corso di e-Venti su Sky-Tg24, ha poi aggiunto che “I numeri sembrano segnalare una tendenza nuova, anche se è ancora importante restare con i piedi per terra”. In queste ore, inoltre, il sottosegretario Pierpaolo Sileri, ospite di 24Mattino su Radio24, sul Green Pass ha affermato: “Credo nella gradualità. Osserviamo i numeri che ci saranno nel mese di febbraio”. Numeri che al momento “stanno andando bene”. Sempre Sileri ha detto: “Il Green Pass non è eterno, ma la sua rimozione non è imminente”.

covid pierpaolo sileri mascherine green pass


Sulla possibilità che spuntino future e temute varianti di Covid il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ha dichiarato: “Io dubito che possa essercene una più veloce di Omicron che sia anche più cattiva”. Lo stesso Sileri ha aggiunto: “Con la gradualità che ci consentirà la circolazione del virus, verranno prese le decisioni nella direzione di un alleggerimento delle restrizioni”. “Nessuno – ha proseguito Sileri – ama le restrizioni, ma sembra quasi che ci siano due fazioni: chi vuole stringere e chi vuole che non ci sia nulla. Purtroppo il buono sta a metà. Le restrizioni ci sono perché abbiamo avuto un’alta circolazione del virus. Omicron però ci sta dando meno problemi rispetto a un mese fa e progressivamente alcune restrizioni verranno tolte”.

covid pierpaolo sileri mascherine green pass

Sileri: “Impatto su terapie intensive sta diminuendo”

Il sottosegretario Pierpaolo Sileri ha spiegato: “La situazione sta rapidamente migliorando, l’impatto della variante Omicron su una popolazione in larga misura vaccinata si sta rivelando meno pesante del temuto e l’impatto sulle terapie intensive sta diminuendo. Questa evoluzione positiva ci consente di avviare la progressiva rimozione delle misure di contenimento. La quarta ondata, cominciata con la Delta e rafforzata da Omicron, tutto sommato l’abbiamo superata meglio del previsto anche se è presto per dirlo: abbiamo una coda e centinaia di morti ogni giorno”.

“Siamo tutti stanchi della mascherina all’aperto, ma al chiuso dovrà rimanere – ha fatto sapere Sileri sulla gestione del Covid – Vi sarà una transizione con mascherina al chiuso, ma prima o poi leveremo anche quella”. Successivamente “da metà febbraio riaprono le discoteche, che sono state le più penalizzate”. In ogni caso la mascherina “va utilizzata dove serve”. A scuola, ad esempio, “la didattica in presenza si fonda sempre più sulla protezione locale data dalla mascherina”. Infine sul Green Pass: “Ogni valutazione in merito alla rimodulazione del green pass potrà essere fatta a marzo, vediamo come va. L’Italia tra pochi giorni sarà tutta bianca, non ci sarà più il problema dei colori”.

Infine, sempre Pierpaolo Sileri, nella mattinata del 7 febbraio a L’aria che tira su La7, ha detto: “È tempo di pensare a una gestione ordinaria del Covid, così come avviene per l’influenza”. Infine il vero problema adesso un altro: “Quei milioni di interventi saltati (a causa del Covid, ndr), saranno la vera pandemia d’ora in avanti, sulla quale dobbiamo da subito concentrare le nostre attenzioni”.


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004