Covid Italia, regione in zona gialla con Super Green Pass e restrizioni ai no-vax

Covid Italia, Friuli Venezia Giulia e Bolzano si preparano a passare alla zona gialla. L’Italia stava attendendo di apprendere se il ministro della Salute Roberto Speranza avrebbe sancito il passaggio in zona gialla di alcune regioni con una prima conseguenza legata alle norme più consolidate: tornerebbe l’obbligo di mascherina all’aperto.

Friuli Venezia Giulia e Bolzano non solo potrebbero lasciare la zona bianca da lunedì 29 novembre, ma potrebbero anticipare – rispetto al 6 dicembre – l’adozione delle misure previste dal decreto che istituisce il Super green pass.

Covid zona gialla Friuli Venezia Giulia29 novembre

Il Super green pass consentirebbe ai vaccinati e ai guariti di accedere ad attività precluse ai non vaccinati: ristoranti, bar, stadi. A parlare sono i dati registrati in merito alla risalita dei casi di positività e non solo. Il Friuli Venezia Giulia registra il superamento di tutti e tre i parametri che andrebbero dunque a decretare le misure più restrittive.


Covid zona gialla Friuli Venezia Giulia29 novembre

Nello specifico nella Regione si registrano l’occupazione delle aree mediche oltre il 15% (è al 19,5%), le terapie intensive oltre il 10% (è al 16%) e l’incidenza settimanale oltre 50 casi per centomila. A rendere nota l’entrata in vigore da oggi la Regione Fvg. Un ritorno, dunque, all’obbligo di mascherina anche all’aperto, ma non solo.

Covid zona gialla Friuli Venezia Giulia29 novembre
Covid zona gialla Friuli Venezia Giulia29 novembre

Accesso consentito a spettacoli, eventi sportivi, bar e ristoranti al chiuso, feste e discoteche, cerimonie pubbliche solo ai possessori di “green passo rafforzato”, ovvero a vaccinati e guariti. Resta obbligatorio il green pass anche per chi soggiorna in alberghi, per chi accede agli spogliatoi degli impianti sportivi, e sui mezzi di trasporto ferroviari e regionali, oltre che su quelli pubblici locali.

Pubblicato il alle ore 11:27 Ultima modifica il alle ore 11:27 Tag