“Parrucchieri riaperti dal 18 maggio”. Coronavirus, l’annuncio ufficiale

Ancora tanti gli aspetti da valutare per la riapertura delle attività nei vari settori e servizi. L’Italia vuole ripartire, ma in sicurezza. Lo sanno bene anche i Governatori regionali del Bel Paese. Di oggi la notizia diffusa da La Gazzetta del Mezzogiorno, che annuncia così la posizione del presidente della Regione Puglia,  Michele Emiliano,  in merito alla riaperture dei parrucchieri, barbieri e centri estetici prevista per il 18 maggio.

“L’ordinanza della Regione Puglia, come per chiarezza ho comunicato al ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia, dispiegherà i suoi effetti dal 18 maggio in coerenza con i provvedimenti nazionali che saranno adottati nei prossimi giorni e, soprattutto, nel pieno rispetto dei protocolli per la sicurezza dei lavoratori che saranno indicati dalle linee guida disposte dal Comitato Tecnico Scientifico e dall’Inail per ciascun comparto di attività. In attesa di queste, diversamente da quanto fatto dalla Regione Calabria, la Puglia non consentirà aperture in contrasto con le disposizioni nazionali in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro”. (Continua a leggere dopo la foto).


Ma sulla riapertura dei parrucchieri, barbieri e centri estetici, si esprime anche il copresidente del gruppo europeo Ecr-Fratelli d’Italia, Raffaele Fitto: “Sappiamo bene di quanto sia urgente aprire e noi di Fratelli d’Italia a livello nazionale e regionale lo chiediamo da settimane ma a noi appariva chiaro, perché logico, fin da ieri sera, che se il 18 maggio non vi sarà un provvedimento del Governo nazionale che detti le linee guida delle riaperture, anche in Puglia non si potrà aprire proprio un bel nulla. E quindi la domanda sorge spontanea: perché la video-conferenza di ieri sera con i rappresentanti delle categorie?”. (Continua a leggere dopo la foto).

Il presidente della regione Puglia, Michele Emiliano afferma su Facebook: “Non così che cosa sia successo ieri, veramente, però il 18 maggio parrucchieri, estetisti, barbieri, saloni di bellezza riapriranno tutti, regolarmente come previsto”, in seguito alle polemiche sollevate dai partiti di opposizione. Una decisione, però, che potrebbe andare incontro alle repliche da parte di altre regioni. Michele Emiliano risponde in pubblica piazza. (Continua a leggere dopo la foto e il post).

“Evidentemente qualcuno ha tentato di scatenare addosso alla Puglia il governo, facendogli intendere che noi stavamo facendo una cosa imprudente. Invece non è così, perché le regole dell’ordinanza che forniscono a queste attività di riprendere il 18 altrimenti il ​​primo di giugno come era inizialmente previsto, sono regole che sono state studiate dal professore Lopalco e da tutti i miei tecnici, assieme ai professionisti, addirittura con sopralluoghi dentro ciascuna delle strutture. Abbiamo individuato i criteri di sicurezza che sono e saranno utili anche al governo nazionale per lontano riaprire prima, io mi auguro ovunque, tutte queste categorie. Dunque il 18, vedete i miei capelli, tutti al barbiere, al parrucchiere, dagli estetisti, a fare i massaggi. Mi raccomando, fate le ricevute fiscali perché i controlli saranno importanti, e soprattutto applicato con rigore tutte le prescrizioni che vi ho dato nella ordinanza. Buon lavoro a tutti voi”.

“Cretini!”. Barbara D’Urso è una furia. Il video la manda fuori di testa e ’sbrocca’ in diretta