Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
guendalina tavassi dichiarazione aggressione

“Tragedia che ti segna la vita”. Guendalina Tavassi in lacrime, l’annuncio ai fan

  • Gossip

Morsi, minacce e insulti. Davvero incredibile quello che è capitato alla povera Guendalina Tavassi. L’influencer si trovava in compagnia del fidanzato Federico Perna e ha subito un’altra aggressione. A lanciare l’indiscrezione era stato Maurizio Sorge che ha scritto sul suo sito: “Guendalina accompagnata da Federico era a Scuola in zona Flemming, per riprendere i figli all’uscita, ma ad attenderli c’era anche Umberto”.

“Spalleggiato da un suo amico o cugino, che appena visto Federico in macchina, secondo le testimonianze dei presenti e sembrerebbe anche con un video che avrebbe ripreso l’intera scena, avrebbero aggredito il nuovo compagno di Guendalina Tavassi mordendogli anche un orecchio”. E poi minacce e insulti. Le conseguenze di quel giorno di ordinaria follia sono il fidanzato in ospedale e un comprensibile choc che ha portato Guendalina a prendersi alcuni giorni di pausa dai social.

guendalina tavassi dichiarazione aggressione


Guendalina Tavassi aggredita, di nuovo, dall’ex compagno

Ad aggredire Guendalina Tavassi è stato l’ex fidanzato Umberto D’Aponte. E non è la prima volta. Federico, il nuovo compagno dell’opinionista, ha trascorso una giornata in ospedale per le ferite riportate. A quanto pare il 19 gennaio D’Aponte avrebbe aspettato l’ex fuori dalla scuola frequentata dai loro figli. Nonostante ci sia un provvedimento del tribunale che vieta all’uomo di avvicinarsi a Guendalina e alla sua famiglia. Adesso l’influencer parla per la prima volta dell’aggressione.

guendalina tavassi dichiarazione aggressione

“Buongiorno ragazzi, non so davvero da dove cominciare. Non posso dirvi che sto bene perché sono purtroppo tragedie che ti segnano a vita, ma poteva finire anche peggio”. Guendalina Tavassi sta vivendo un incubo e il suo pensiero va ai figli Chloe e Salvatore: “In un modo o nell’altro devo continuare, devo riprendere la mia vita in mano. Perché vivere nel terrore, nella paura, nell’angoscia non è vita. Uno si fa forza proprio per i bambini, che non c’entrano niente, che sono delle anime pure che non c’entrano nulla e si ritrovano in mezzo a situazioni che non dovrebbero neanche sapere che cosa sono”.

Qualcuno l’ha criticata per il suo modo di commentare la vicenda, per il suo non voler drammatizzare troppo. Guendalina dice: “Poteva finire peggio” e poi spiega: “Se riusciamo a trovare la forza per andare avanti abbiamo già vinto su tutto. Direi di terminare qui questo capitolo terribile della mia vita e aiutatemi a tornare spensierata e serena almeno qua sopra con voi”.


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004