“Ora ce n’è bisogno”. Fabrizio Corona, succede tutto dopo il gesto e il ritorno in carcere. E si nota anche Mara Venier

Fabrizio Corona, dopo l’arresto arriva la petizione. Sulla questione si è già espressa Asia Argento che proprio sul profilo Instagram ha lanciato il suo appello: “Non è un assassino o uno stupratore, ma un padre e un figlio…”. Dunque è stata decisa la revoca dei domiciliari per Fabrizio Corona. La reazione da parte dell’ex re dei paparazzi è stata sicuramente moto forte.

Prima si è ferito i polsi e poi ha spaccato il vetro dell’ambulanza. Il ricovero nel reparto di psichiatria e poi il trasferimento nel carcere di Opera, così è stato deciso dal sostituto pg Antonio Lamanna. E nel frattempo sul web, continuano a risuonare le parole di Asia: ” Ha sicuramente fatto un sacco di cazzate nella vita, ma ora, a 46 anni, nonostante ne abbia già scontati più di 6 in carcere, è un cittadino reinserito, che lavora e dà da lavorare, che paga le tasse, è un padre, un figlio, un fratello ed un amico che si rende conto dei suoi errori per i quali ha chiesto scusa ai magistrati, davanti a tutti”. (Continua a leggere dopo la foto).


Dunque per la figlia d’arte: “Fare di Corona un caso esemplare solo perché è un personaggio pubblico è una roba da medioevo. Ma l’Italia non è un paese di lobotomizzati. Per questo io oggi grido con voi: GIUSTIZIA PER FABRIZIO! #GIUSTIZIAPERFABRIZIO”. Nelle ultime ore non passa inosservato l’appello dell’avvocato Chiesa con tanto di petizione per la scarcerazione. (Continua a leggere dopo la foto).

Parole che non lasciano spazio ad alcun dubbio quelle dell’avvocato Chiesa:  “Ha bisogno di voi” e sono bastate poche ore per raccogliere ben 5mila firme: “Ho ricevuto tantissime richieste da voi, così in accordo con lo staff di Fabrizio abbiamo aperto una sottoscrizione online. Sul profilo Instagram di Fabrizio trovate tutto. Fatelo in tanti, Fabrizio ha bisogno di voi e anche io”, si legge. (Continua a leggere dopo le foto e il post).

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Fabrizio Corona (@fabriziocoronareal)

Tanti i commenti sul social, e un grido che si alza unanime dal web: “Abbiamo firmato, libertà per Fabrizio”. Tra i like anche quello di Mara Venier. E con l’immagine di Corona con il volto ricoperto di sangue, prosegue la petizione online da parte dello staff di Fabrizio. Non solo il link per partecipare alla petizione, ma anche alcuni momenti del video che mostra quanto accaduto durante il diverbio con gli agenti.

“Il vaccino? Non lo faccio, ecco perché non mi fido”. Heather Parisi: “Cosa è successo a mia madre”