“Roba intima…”. Aurora Ramazzotti, la foto sul letto dice tutto: “Io con lui, nessun problema”

“Per farmi perdonare dell’assenza di queste settimane ho fatto la sigla della Rubrichetta”. Esordisce così Aurora Ramazzotti da tempo si impegna attraverso i social a combattere i tabù di cui la società contemporanea, in particolare quella italiana, è preda. Questa volta la figlia di Michelle Hunziker ed Eros, rispondendo ad una domanda relativa alla sfera intima, ha fatto vedere tutta la sua collezione extra hot.

Di cosa si tratta? Aurora ha fatto vedere ciò che usa nell’intimità con il suo fidanzato, del quale è follemente innamorata. Ma cominciamo dall’inizio. La figlia di Michelle è solita fare settimanalmente una Rubrichetta su Instagram, creando una box domande in cui ai suoi follower è concesso sottoporle dei loro problemi esistenziali, problemi ai quali Auri risponde con estrema sincerità e in modo anche piuttosto comico.

Proprio ieri un follower le ha chiesto se avesse mai fatto uso dei sex toys con il fidanzato. La risposta della Ramazzotti, come nel suo stile, non è stata per nulla banale: anzi, la giovane conduttrice ha preferito non rispondere a parole ma con i fatti, facendo vedere senza remore la sua fornitissima collezione di vibratori &co.


Le risposte della ragazza sono tutte state date con la consueta ironia che non è mancata neppure quando qualcuno le ha chiesto se abbia mai usato sex toys insieme al suo ragazzo. “I che? No guarda, non so veramente di che cosa tu stia parlando…” ha replicato Aurora che nel frattempo ha puntato la videocamera dello smartphone su diversi oggetti attinenti proprio all’argomento. Un video breve il suo, ma decisamente sufficiente per confermare la sincerità di Aurora e anche la sua contagiosa ironia.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Aurora Ramazzotti (@therealauroragram)

Come sopra accennato Aurora, da anni, si impegna attivamente sul web nel cercare di sgretolare diversi ‘argomenti no’. La questione intima è uno di questi: come è arci noto in Italia, una buona parte della popolazione fatica a parlare apertamente e seriamente di intimità sessuale.