Luce e gas, ”l’Iva in bolletta è illegittima e va rimborsata”. Ecco perché si può chiedere la restituzione. Tutti i dettagli

 

Basta dare un’occhiata alla bolletta del gas o della luce per accorgersi che l’Iva viene spesso calcolata prendendo come base anche addizionali e accise. Tuttavia, questo rincaro sembrerebbe illecito, poiché non esiste alcuna legge che lo prevede.

(Continua a leggere dopo la foto)


 

{loadposition intext}

Come ricorda ‘Studio Cataldi’, i cittadini sarebbero legittimati a chiedere la restituzione delle somme indebitamente corrisposte, nella fattispecie solo della quota calcolata in eccesso.

Già nel 1997, la Cassazione aveva chiarito che un tributo non può gravare su un altro tributo simile, a meno che non sia la legge a prevederlo. Qualora la parte dell’Iva applicata sulle bollette fosse dichiarata illegittima per l’Erario potrebbero presentarsi delle conseguenze: se il rimborso per il singolo cittadino non è elevato, l’ammontare dei rimborsi complessivo potrebbe sfiorare cifre significative.

Tuttavia, sebbene con una recente sentenza la Cassazione abbia dichiarato illegittima l’applicazione dell’imposta sul valore aggiunto della tariffa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani (Tia) stante la sua natura tributaria, sull’argomento bisogna ancora fare chiarezza.

Bollette Enel impazzite: attenti, arriva il freddo e staccano il gas

Pubblicato il alle ore 11:02 Ultima modifica il alle ore 11:50