“Lo hai mai fatto lì?”. Imbarazzo assoluto per Serena Bortone, la domanda piccante dell’ospite gela lo studio

Nell’appuntamento del 4 dicembre di ‘Oggi è un altro giorno’ si è verificato un episodio alquanto imbarazzante. La conduttrice televisiva Serena Bortone è stata suo malgrado protagonista involontaria della situazione, che ha creato un vero e proprio gelo in studio. In particolare, è stato l’ospite a far ammutolire la presentatrice, che ha poi fatto di tutto per cambiare argomento. Il pubblico da casa si sarà divertito moltissimo durante questo siparietto, davvero senza precedenti.

L’ospite in questione della trasmissione era il cantante Riccardo Fogli, che a proposito della sua carriera artistica ha affermato: “Dopo i Pooh c’era il deserto. All’inizio è stato molto difficile. E comunque Patty Pravo non si è mai sognata di venire in sala d’incisione”. In molti hanno sempre ritenuto che quella vicenda avesse provocato il suo addio. Fogli ha inoltre inevitabilmente parlato anche della morte di Stefano D’Orazio, il batterista della band che ha lasciato tutti nel dolore. (Continua dopo la foto)


Su D’Orazio si è espresso così: “Aveva questa faccia, prendeva in giro se stesso. Per me è stata una perdita dolorosa che non ci voleva, anche se i Pooh avevano già chiuso. Un dolore grandissimo”. Ma, come vi abbiamo riferito ad inizio articolo, Fogli ha fatto una battuta decisamente piccante alla padrona di casa. Si stava infatti soffermando sulla sua vita privata, quando improvvisamente ha spiazzato tutti con una domanda diretta proprio alla Bortone. Che si è imbarazzata. (Continua dopo la foto)

Riccardo ha quindi esclamato: “L’hai mai fatto su un tavolo da ping pong? Io ho mangiato, scritto, dormito sul tavolo da ping pong”. Dopo alcuni secondi di gelo, Serena Bortone è riuscita ad andare avanti cambiano tema e non rispondendo al quesito hot. A proposito di Stefano D’Orazio, Riccardo Fogli lo aveva ricordato così dopo la scomparsa: “Speravamo potesse uscire dall’ospedale dopo quindici giorni e raccontarci com’era andata, magari scrivendo un libro. Con i Pooh era continuamente in contatto”. (Continua dopo la foto)

Il cantante aveva aggiunto: “Sembrava stesse meglio, invece poi è successo di tutto. A me e ai Pooh sono arrivate telefonate da ogni parte del mondo dopo la sua morte. Tony Renis ci ha telefonato piangendo […] i Pooh per l’Italia e per il mondo sono insostituibili: sono stati saggi e romantici, Stefano ha scritto delle pagine che verranno analizzate e copiate e saranno libri di testo per il futuro, pagine aperte per ogni problema del mondo”.

“Bombe negli armadi”. Gravissime minacce al programma Rai, scattate le misure di sicurezza