Sorpresa, la fantascienza “anticipò” Benedetto XVI

Un’inquietante coincidenza ha fatto risvegliare l’interesse verso un’antologia di racconti brevi di fantascienza di scrittori statunitensi, usciti nelle pagine della rivista Fantasy & Science Fiction fra il 1976 ed il 1977 e pubblicati in Italia nel 1978 nella collana Urania. Il titolo della raccolta, scelto da Fruttero e Lucentini allora curatori della collana, Il dilemma di Benedetto XVI, ( titolo originale:The armageddon decision) ha fatto drizzare le antenne agli amanti di storie di preveggenza e di misteriose premonizioni. Come se non bastasse, anche la copertina, disegnata dal leggendario illustratore Karel Thole raffigura un papa straordinariamente simile a papa Ratzinger. Qualcuno nella copertina ha voluto vedere, forse per rendere la leggenda più succulenta, la rappresentazione di un confronto tra due papi, proprio come è accaduto con le sbalordenti dimissioni dall’incarico pontificio di Benedetto XVI nel 2013: in realtà il personaggio a sinistra dovrebbe essere lo psichiatra che verifica le facoltà mentali del papa. Infatti la trama di questo racconto di fantascienza, scritto da Herbie Brennan, ipotizza un futuro in cui un feroce dittatore, Victor Ling, sta ascendendo al potere della nazione di Anderstraad. Il papa Benedetto XVI, dopo aver avuto una visione mistica che gli ha imposto di attaccare Ling e detronizzarlo, vuole fermarlo, ma per essere certo di fare la cosa giusta manda a chiamare Steinmann, fra i più grandi e rinomati psichiatri dell’epoca: il compito del dottore sarà di stabilire la sanità mentale del papa, e quindi automaticamente l’autenticità delle visioni. Le varie coincidenze notate hanno dato luogo alla riesumazione del racconto di Herbie Brennan da parte dei media mondiali, generando un forte interesse per la “profezia” dell’autore e rendendo le copie esistenti prede ambite da parte dei collezionisti di tutto il mondo.