“Regolamento violato”. Sanremo 2021, la denuncia mette a rischio la gara. Amadeus trema

Sanremo 2021, il Codacons all’attacco. L’attenzione non poteva che cadere anche sul festival della musica italiana. Il Coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori da sempre si impegna a sottolineare i comportamenti ritenuti contrari al buon costume su cui talvolta tendono a inciampare alcune trasmissione televisive.

Tra i temi più caldi delle ultime ore, c’è sicuramente il caso Irama. Nonostante il cantante in gara a Sanremo sia risultato negativo al tampone, il rischio che avvenisse l’estromissione dalla gara a causa della positività di un suo collaboratore col quale era entrato in contatto è restato alto. Ma la soluzione è arrivata direttamente dagli autori del festival. Supportato dal consenso degli altri artisti, via libera per il cantante che è così rimasto in gara pur esibendosi da remoto. (Continua a leggere dopo la foto).


La decisione presa da Amadeus, direttore artistico e conduttore di Sanremo, ovvero quella di ‘salvare’ Irama, non è stata vista di buon occhio dal Codacons: “La Rai e Amadeus cambiano le regole a gioco già iniziato, con una improvvisa e illegale modifica del regolamento che avviene quando la gara è già in corso. Un comportamento assurdo e scorretto sia nei confronti degli altri artisti in gara, sia del pubblico, sia dello stesso Irama”. (Continua a leggere dopo la foto).

“La decisione dell’azienda determina infatti una palese violazione della par condicio, in quanto i cantanti non si contenderanno la vittoria ad armi pari e alle medesime condizioni!”. Sanremo continua a finire sotto accusa, dopo l’esposto inviato alla Corte dei Conti sull’eccessiva onerosità dei compensi promessi agli ospiti, ma anche dopo il ricorso presentato al Tar per chiedere l’estromissione della canzone del duo Fedez-Michielin. (Continua a leggere dopo le foto e il post).

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Codacons (@codacons_official)

Tutto questo è stato reso noto sul profilo Instagram dell’associazione. Un comunicato attraverso il quale si sottolineava ancora una volta una decisione presa che potrebbe risultare non in linea con i comportamenti affini alla logica della competizione. Resta solo da comprendere a quali conseguenze andrà incontro il Festival o meno.

“Me l’hanno confermato oggi”. Rivoluzione Mara Venier, la notizia è arrivata poco fa