Premio Sciascia, vince il killer di mafia

Accompagnato dalle tante polemiche, il libro scritto da Giuseppe Grassonelli, killer di mafia condannato all’ergastolo, e Carmelo Sardo, giornalista del Tg5, vince il premio Sciascia, assegnato a Grotte, in provincia di Agrigento. Malerba ha ottenuto 13 voti dalla giuria popolare superando È così lieve il tuo bacio sulla fronte di Caterina Chinnici, figlia del giudice Rocco, ucciso da Cosa Nostra e Piccola Atene di Salvatore Falzone. “Malerba”, erba cattiva: lo chiamavano così a Porto Empedocle, dove è nato nel 1965. La sua storia comincia quando, ragazzino, viene spedito in Germania a lavorare. La Sicilia sembra lontanissima, ma il destino lo richiama. Di passaggio al paese, resta ferito nella strage con cui Cosa Nostra comincia lo sterminio dei suoi parenti per regolare vecchi conti. E presto scopre che a un suo amico è stato affidato il compito di uccidere anche lui. È il momento di passare al contrattacco, rinunciando a tutto, anche all’amore, per sopravvivere. E la totale sfiducia nello Stato lo spinge a fare da solo. Questa è la storia di Giuseppe Grassonelli, arrestato a 26 anni e da allora rinchiuso in carcere senza speranza di uscirne. È condannato per omicidi commessi tra la fine degli anni ’80 e i primi anni ’90. Nelle sentenze i giudici scrivono che “l’imputato ha ucciso persone che avevano sterminato la sua famiglia”, riconoscendogli di aver agito per vendetta. Grassonelli non ha mai negato la propria colpevolezza né accettato di collaborare con la giustizia, per questo la condanna all’ergastolo ostativo non gli consente di beneficiare di alcun permesso. In carcere è entrato semi-analfabeta, oggi è laureato in lettere e filosofia all’università Federico II di Napoli, con 110 e lode. Quando ha deciso di raccontare la sua storia, si è affidato al giornalista siciliano che, fin da quand’era un giovane cronista, aveva seguito la sua vicenda.