“Quelli come me…”. Massimo Cannoletta amarissimo da Alberto Matano: lo sfogo del super campione de L’Eredità

Il super campione de ‘L’Eredità’, Massimo Cannoletta, ha fatto entusiasmare il pubblico per tantissime puntate. Poi ha deciso di lasciare il programma, perché voleva ritornare alla vita di tutti i giorni. Alcuni giorni fa si era soffermato sul conduttore Flavio Insinna: ” È talmente una persona di un’umanità straordinaria che non poteva non capire. È un essere umano straordinario che poi sia un grande professionista e una persona di una simpatia travolgente lo sa tutta l’Italia. Mi ha fatto rilassare”.

Poi aveva riferito su se stesso: “Nessuno all’Eredità mi ha mai detto che sarebbe stato meglio se fossi uscito. È stata una mia decisione, presa in piena autonomia, al 100 per 100. Voglio continuare a fare quello che facevo prima: divulgazione sui miei canali social, Twitter e Instagram. Posso dedicare una parte di quella somma a un progetto più strutturato”. Nel pomeriggio del 4 gennaio è invece stato ospite de ‘La Vita in diretta’, dove si è lasciato andare ad un vero e proprio sfogo. (Continua dopo la foto)


Durante la sua conversazione con il presentatore Alberto Matano, Cannoletta si è sfogato su aspetti personali: “Tanta gente come me non lavora, ma vogliamo innanzitutto tornare a vivere”. Ha puntato l’attenzione sulla grave crisi economica che sta attanagliando milioni di persone. Un pensiero non solo a lui, ma rivolto a moltissime altre persone che vivono la sua stessa quotidianità. Successivamente ha invece fatto alcune dichiarazioni più leggere, quando gli è stato chiesto della popolarità. (Continua dopo la foto)

Infatti, dopo aver ottenuto un successo incredibile, gli è stato domandato se la gente lo ferma per salutarlo o per fargli i complimenti. E Cannoletta ha risposto in maniera esilarante: “Non mi fermano per strada perché porto la mascherina, che mi copre anche il naso”. Dunque, ha fatto la battuta sul suo naso grande. Poi ha comunque concluso: “Sui social il calore è tanto”. Ora spera però di ritornare alla normalità il prima possibile, così come sperano tutti gli italiani e non solo. (Continua dopo la foto)

Cannoletta aveva anche voluto puntualizzare una cosa che gli aveva creato fastidio: “Io posso non piacere, oppure posso risultare antipatico. L’unica cosa che mi fa davvero arrabbiare è se qualcuno dubita della trasparenza del programma: nessuno mi ha mai passato le risposte. La squadra dell’Eredità è stata impeccabile”. Un personaggio che sicuramente sarà ricordato a lungo nel piccolo schermo.

“Era disperata…”. Alessandra Mussolini ‘smascherata’ in diretta: il retroscena viene fuori solo ora