Dai tipi ai “libri da spiaggia”: così si legge gratis

Meno racchettoni e lettori mp3 in modalità off: tornano i ‘libri da spiaggia’. L’iniziativa che Legambiente Castellabate ha realizzato nel 2012 oltrepassa i confini del Cilento per ‘contagiare’ finora le spiagge di Puglia (Polignano a Mare), Calabria (Falerna) e Sardegna (Siniscola). Grazie a ‘Librerie da spiaggia’ è possibile gratuitamente e anonimamente prendere un libro, leggerlo e poi riporlo sugli scaffali della libreria prima di andar via. Che la lettura ‘a costo zero’ possa funzionare lo spiega la ‘conquista’ di altre località, lontane da quelle cilentane che, già nel 2012, si erano fatte coinvolgere e convincere. Ed è bello che l’idea sia nata al sud, a spiegare che mare e sole possono anche non essere solo musica a palla e mojito, ma anche un’occasione di relax e arricchimento culturale. Lo scopo è far girare cultura diffondendo letture in maniera pratica e immediata, a prescindere da padroni e fruitori del libro. Tutto in forma di autogestione e di ‘volontariato culturale’ e col sostegno della tecnologia: con l’app Cityteller si localizzano le librerie ‘on the beach’. Un’altra spiaggia è possibile?