“Resti nel cuore”. Alba Parietti, il dolore per quella perdita è forte: “Ancora non ci credo”

Alba Parietti, il ricordo indelebile di Giuseppe, dopo un anno dalla sua scomparsa. Aveva 74 anni, Giuseppe Lanza di Scalea, ex compagno di Alba Parietti, venuto a mancare l’11 ottobre del 2020. A distanza di un anno, le parole e i pensieri di Alba restano intrisi di amore. Il suo ‘grazie’ reso sotto gli occhi di tutti è toccante, così come quel rapporto di profondo affetto che neanche il tempo, o la morte, potranno portare via.

Queste le parole di Alba Parietti, per l’anniversario dalla morte di Giuseppe. Il messaggio è una vera e propria lettera e a corredo la foto che ritrae la coppia, unita oggi come allora, nonostante il doloroso epilogo a cui è andato incontro il 74enne: “A Giuseppe, che un anno fa è andato via, per restare nel cuore, ti immagino veleggiare con la camicia azzurra e gli occhi nel mare mentre ridi a sentirmi raccontare storie”.

Alba Parietti morte anniversario Giuseppe Lanza messaggio

“Sei stato l’amore, il complice, l’amico migliore che io possa immaginare, che mai mi hai messo in discussione in competizione, o a disagio. Che c’è stato nella gioia con leggerezza felice per me e nel dolore granitico e accudente per me per mio figlio”. Il lungo e commovente messaggio di Alba Parietti si conclude poi così.


Alba Parietti morte anniversario Giuseppe Lanza messaggio

“Ci siamo voluti un bene dell’anima. Non c’era bisogno di dire tante cose ci capivamo sempre al volo. Delle persone che amo che non ci sono più come te, mio padre mia madre io riesco a sentire la voce, le vedo riesco a dialogare. Sarò una visionaria ma nella mia immaginazione ci siete sempre, Anche perché immaginare una vita senza di voi è davvero triste, perché ogni cosa bella ha meno senso e Senza di voi meno valore”.

Alba Parietti morte anniversario Giuseppe Lanza messaggio
Alba Parietti morte anniversario Giuseppe Lanza messaggio

“Sei nel cuore di tutti noi Giuseppe perché eri un uomo speciale un vero principe, lo eri nell’animo nella bontà nel senso di giustizia, nell’onestà intellettuale, nell’eleganza nell’ironia nella leggerezza. Nella lealtà e nella profondità. Mi manchi. Ma viverti è stato un privilegio. Indimenticabile Giuseppe”. E a seguire, anche Francesco Oppini ha commentato il post: “Manca la sua eleganza, signorilità ed educazione, poco altro da aggiungere. Grazie di esserci stato, sei e sarai importante”.