Ai Musei Capitolini storia e fortuna dello Spinario

Ai Musei Capitolini in mostra fino al 25 maggio, una preziosa panoramica dello Spinario, pastore mitico, capostipite della dinastia Iulia. La statua in bronzo dello Spinario, giunta in Campidoglio nel 1471 con la donazione dei bronzi lateranensi al Popolo Romano da parte di Sisto IV, creato in età ellenistica e giunto a noi in questa redazione di I secolo a.C., rappresenta uno dei massimi capolavori della scultura antica, che ha conosciuto un’ininterrotta fortuna nell’evo antico come in quello moderno. Una vetrina importante e ricca di spunti che, esponendo 45 opere, vuole consentire una panoramica il più completa possibile del tema “Spinario” e del suo successo, riunendo le repliche e le rivisitazioni antiche diffuse oggi nei musei europei e conferendo ampio spazio alle opere di età moderna e contemporanea. Saranno così presentati bronzetti, disegni e quadri ispirati allo Spinario a tracciare la linea del successo ottenuto nel tempo.  Il tema figurativo, grazie al significato simbolico assegnato all’azione dell’estrarre la spina, si è trasformato già in età antica in una metafora del dolore procurato dall’innamoramento, che ne ha decretato la grande fortuna.

Maggiori informazioni qui: http://www.museicapitolini.org/mostre_ed_eventi/mostre/spinario