Tumore al seno, individuata la causa della metastasi

Una scoperta molto importante fatta dall’Istituto nazionale tumori di Milano: un nuovo meccanismo responsabile delle metastasi nel tumore del seno. La scoperta è già stata valutata positivamente dalla comunità scientifica internazionale perché in grado di aggiungere un tassello di vitale importanza per la comprensione dei meccanismi con il quale il cancro si diffonde nell’organismo. Di qui la possibilità di contribuire al miglioramento della ricerca di cure più efficaci di quelle attualmente impiegate. Difficile non ricorrere a tecnicismi per spiegare, seppure sommariamente, lo scoperta. Alla base c’è una proteina chiamata osteopontina, che normalmente è presente al di fuori delle cellule ed è coinvolta nel regolare diversi processi fisiologici, tra cui la stessa sopravvivenza cellulare. Il ruolo di questa molecola, nel tumore, è però duplice. Come spiegano gli autori della ricerca, l’osteopontina prodotta dalla cellula tumorale ne assicura la sopravvivenza in un ambiente ostile mentre quella trattenuta all’interno dei globuli bianchi contribuisce a proteggere le cellule tumorali che stanno formando la metastasi dall’attacco del sistema immunitario. Nello studio dell’Istituto milanese sono state comprese metastasi polmonari di pazienti con carcinoma al seno nelle quali è stata confermata la presenza di cellule contenenti osteopontina. La soddisfazione (e la speranza) dei ricercatori: «Questa scoperta sarà rilevante per sviluppare futuri farmaci in grado di contrastare le molteplici azioni dell’osteopontina nello sviluppo delle metastasi».