Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

La caffeina? Amarla o odiarla è una questione genetica

L’amore o l’odio per il caffè? È una questione di Dna:. Lo dice un nuovo studio della Harvard School of Public Health e del Brigham and Women’s Hospital, che ha individuato 6 nuove varianti genetiche correlate all’abitudine di consumare questa popolarissima bevanda È stato dimostrato che una certa quantità di caffè o di caffeina ha effetti diversi a seconda delle persone, fornendo un presupposto interessante per future indagini scientifiche sui legami tra il caffè e la salute. Ecco spiegato perché per alcuni bere il caffè di sera non influisce sul riposo notturno, mentre per altri significherebbe passare una notte di insonnia assicurata.

“Caffè e caffeina sono stati collegati a effetti sia benefici che negativi sulla salute. I nostri risultati potrebbero permettere di identificare sottogruppi di persone con più probabilità di beneficiare di un aumento o di una diminuzione del consumo di caffè per migliorare la loro salute”, spiega Marilyn Cornelis, ricercatore associato presso il Dipartimento di Nutrizione della Harvard School of Public Health e autore principale dello studio pubblicato su Molecular Psychiatry.  La caffeina è una sostanza che può causare dipendenza come una vera e propria droga e il cui abuso potrebbe portare allo sviluppo del diabete di tipo 2.  In realtà, non tutte le ricerche la considerano dannosa per la salute: oltre a far bene al cuore, migliorando il flusso sanguigno, bere una tazzina al giorno migliora anche alla vista.


Per arrivare a queste conclusioni gli studiosi hanno esaminato oltre 120.000 regolari bevitori di caffè di origine europea e afro-americana, identificando due varianti associate a geni coinvolti nel metabolismo della caffeina, il Por e il Abcg2. Gli altri due, Ahr e Cyp1a2, erano stati identificati precedentemente. Altre due varianti sono state identificate nei pressi dei geni Bdnf e Slc6a4, che potrebbero influenzare gli effetti gratificanti della caffeina. Infine, Gckr e Mlxpl, geni coinvolti nel metabolismo del glucosio e dei lipidi, non erano mai stati precedentemente collegati al metabolismo o agli effetti neurologici del caffè.

Si è arrivati quindi a comprendere che le persone hanno una sorta di regolazione naturale nei confronti dell’assunzione di caffeina, data dalla predisposizione genetica, in modo da ottimizzare i benefici che derivano dall’assunzione di questa bevanda. I fattori genetici che stimolano una maggiore assunzione di caffè, probabilmente favoriscono anche il metabolismo della caffeina.


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004