Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Una tradizione lunga 750 anni: la Macchina di Santa Rosa di Viterbo

La Macchina di Santa Rosa è un’imponente costruzione che viene trasportata a spalla da 113 facchini, tra dislivelli e brusche salite, per le vie del centro storico di Viterbo (Lazio) la sera del 3 settembre di ogni anno, vigilia della ricorrenza della festa di Santa Rosa. Per la città è l’evento più importante di tutti e i viterbesi quella sera più che mai sono tutti di un sentimento. La tradizione è tra le più antiche del Lazio – ha 750 anni –  e, dallo scorso 4 dicembre, ha un respiro internazionale dal momento che il trasporto è stato dichiarato patrimonio dell’Unesco.  La torre, che supera i 28 metri e pesa più di cinque tonnellate, è portata dai facchini per un percorso di oltre un chilometro per le vie del centro storico. Per celebrare il riconoscimento Unesco, quest’anno la Macchina  – illuminata da luci elettriche e a fiamma viva – percorrerà un percorso più lungo di 500 metri rispetto a quello canonico. La partenza, intorno alle 21, è a piazza San Sisto, dove la Macchina viene assemblata nelle settimane precedenti e l’arrivo, dopo circa due ore e mezza incluse le soste, è al Santuario di Santa Rosa dove resta per qualche giorno per farsi ammirare in tutto il suo splendore anche di giorno. L’attuale Macchina di Santa Rosa si chiama Fiore del cielo e domani sarà la sua ultima passerella. Ogni cinque anni, infatti, la macchina di Santa Rosa cambia struttura e colori, pur mantenendo la struttura a torre. 

Per approfondire clicca qui.


 

 

Per approfondire clicca qui


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004