Tetiaroa: da paradiso segreto di Brando a resort di lusso

Tetiaroa è un’isola incontaminata dell’oceano Pacifico . Marlon Brando se ne innamorò nel 1960, mentre girava da quelle parti “L’ammutinamento del Bounty“, film che gli fece perdere la testa non solo per atolli, palme e barriere coralline, ma pure per l’attrice protagonista, una polinesiana di nome Tarita Teriipaia, con cui iniziò una relazione sul set e più tardi si sposò.

 


Tetiaroa, un mini arcipelago di minuscole isolette, circondato e protetto da 30 chilometri di barriere di corallo, Brando trovò il paradiso terrestre, lontano da paparazzi, Hollywood, consumismo, tutte cose che Brando detestava. L’isola diventò il suo rifugio, in cui trascorse molto tempo, fino alla morte avvenuta dieci anni fa. Ma adesso i suoi eredi l’hanno venduta a una società commerciale che ne ha ricavato un resort di lusso da 4 mila euro a notte: si chiama The Brando e strizza l’occhio ai turisti danarosi con l’illusione di una vacanza nella “casa” del grande Marlon.