La follia di “Visto”: regala libro di barzellette sui gay

I settimanali di gossip vanno a gonfie vele, ma il mare in cui navigano ogni tanto si agita. È successo a Visto che all’ultimo numero ha allegato un libro intitolato Le migliori barzellette gay. Una pubblicazione del 2012 inserita in una collana umoristica che, però, questa volta ha fatto infuriare e non ridere. Il “fuoco” si è acceso ui social che non hanno gradito lo scivolone editoriale. È un caso di discriminazione senza senso, dicono. E qualche ragione i contrari ce l’hanno considerando il tenore delle “battute”. Un esempio: “Ti va di giocare a nascondino? Ok, se mi trovi mi puoi violentare. Se non mi trovi… sono nell’armadio”. L’editore si difende parlando di discriminazione al contrario, ma direttore e redazione non la pensano come lui e l’hanno fatto sapere con tempestività e con un efficace e appropriato «Uno schifo!». La Rete, però, insiste e il principale sito di petizioni on line, Change.org, chiede che editore e direttore si scusino e ritirino l’allegato «omofobo» dimostrando «correttezza e civiltà nei riguardi di milioni di persone».