Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

“Perché l’ho uccisa”. Omicidio Elena Del Pozzo, mamma Martina lo ha confessato ai carabinieri

  • Italia

“L’ho uccisa io”. Con queste terribili parole Martina Patti, la mamma di Elena Del Pozzo (la bambina scomparsa lunedì 13 giugno a Catania) ha confessato che la piccola non è stata rapita “da una banda di tre uomini incappucciati”, all’uscita dall’asilo come aveva denunciato lei stessa. Ha confessato nel corso dell’interrogatorio, ma non ha saputo spiegare come e perché avrebbe commesso il delitto. “Non ero in me”, ha aggiunto Martina Patti, 23 anni, che ha fatto rinvenire il cadavere della bambina in un campo a 200 metri da casa.

“Non credevamo possibile una cosa del genere. Un rapimento era impensabile. Non si poteva immaginare quello che è successo. Mi sembra tutto così strano, assurdo. La madre di Elena era una ragazza molto chiusa, ma non riesco a spiegarmi il motivo di quello che è accaduto. Ma adesso chi è stato deve pagare, anche chi l’ha eventualmente aiutata”. Così ha parlato Giovanni Del Pozzo, il nonno paterno di Elena, giunto sul luogo del ritrovamento del corpo della nipotina.

elena del pozzo mamma martina patti confessa


Elena Del Pozzo, la mamma confessa: “Non ero in me”

Alle sue parole fanno eco quelle della nonna paterna, Rosaria Testa: “Avevamo creduto alla storia degli uomini incappucciati. Non avevamo ragione di non credere. Elena era una bimba meravigliosa”. Ha inoltre raccontato che la madre avrebbe strattonato la piccola “anche a un braccio”. Nel frattempo iniziano ad emergere i primi retroscena sulla vita familiare. Il padre di Elena aveva avuto dei precedenti per droga, come si legge sul Corriere della Sera. I genitori erano separati da tempo, mentre la bambina viveva spesso a casa dei nonni.

elena del pozzo mamma martina patti confessa

Secondo quanto raccontato dai parenti della bambina, a lasciare il padre sarebbe stata la madre probabilmente perché avrebbe incontrato un nuovo compagno. A quel punto il padre della bambina sarebbe partito per la Germania e lì avrebbe incontrato la sua nuova compagna. La donna però avrebbe continuato ad avere dei comportamenti morbosi nei confronti dell’ex. A parlare è anche la zia di Elena, Martina Vanessa Del Pozzo: “Martina Patti voleva incastrare mio fratello. Un anno fa mio fratello fu accusato ingiustamente di una rapina ma fortunatamente fu scagionato completamente. Quando dal carcere passò ai domiciliari, sotto casa trovammo un biglietto di minacce con scritto: “Non fare lo sbirro, attento a quello che fai”. Mio fratello non sa nulla di nulla. A questo biglietto la madre della bimba ha fatto riferimento dicendo che avevano rapito Elena”.

elana del pozzo mamma confessa
elana del pozzo zia

Il racconto della zia di Elena prosegue, come si legge sul Corriere: “La madre — aggiunge — disse che quelle persone incappucciate avevano fatto riferimento al biglietto dicendo “non ti è bastato il biglietto? Digli a tuo marito che questa è l’ultima cosa che fa: a sua figlia la trova morta””. Infine si sono viste scene strazianti al passaggio del carro funebre con la bara del corpo di Elena. Il nonno paterno ha seguito il carro funebre, con la mano appoggiata sopra, e urlava “Angelo mio, Angelo mio”.

“Elena è morta”. Epilogo choc sulla bimba di 5 anni rapita a Catania: trovato il suo cadavere


Caffeina Logo Footer

Caffeina Magazine (Caffeina) è una testata giornalistica online.
Email: [email protected]

facebook instagram pinterest
powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004